L’esortazione di Vladimir Putin alla comunità internazionale: uniamoci contro il terrorismo

Fonte: Kommersant 15/11/2015. Traduzione di Simona Fonti

Secondo quanto detto dal presidente russo, è necessario agire in conformità con lo statuto ONU

Il 15 novembre in un meeting informale fra i leader dei paesi BRICS, Vladimir Putin ha esortato la comunità internazionale a combattere insieme il terrorismo. Il presidente russo ha notato che è indispensabile agire in conformità con il regolamento ONU. Putin ha anche chiamato “orrore” gli attentati avvenuti a Parigi.

Domenica in un incontro informale fra i leader dei paesi BRICS, avvenuto all’interno del summit del G20 (15-16 novembre) nella città turca di Antalya, il presidente russo Vladimir Putin ha esortato la comunità internazionale a lottare insieme contro il terrorismo. “Ricordiamo bene di dover affrontare la minaccia terroristica e offrire aiuto a milioni di persone che hanno lasciato la propria casa. È possibile solo unire le forze della comunità internazionale.”

Putin ha anche commentato gli attentati avvenuti a Parigi nella notte del 14 novembre. “Noi tutti abbiamo visto l’orrore avvenuto in questi giorni a Parigi. Proviamo dolore per le persone che hanno sofferto ma interveniamo sempre per unire le forze al fine di combattere con efficacia la minaccia terroristica. ha affermato.

Nella capitale francese nella notte del 14 novembre è avvenuta una serie di attentati coordinati in luoghi affollati quali lo stadio Stade de France, una sala concerti e bar e ristoranti nel centro di Parigi. In seguito all’attentato sono morte 129 persone e 352 sono rimaste ferite. Non vi sono informazioni di vittime russe. In Francia è stato proclamato lo stato di emergenza. Il presidente francese François Hollande sabato mattina ha condannato l’Is come responsabile dell’attentato. Il gruppo terroristico aveva rivendicato l’attentato aereo.

Insieme con gli altri capi di stato Putin ha sottolineato che nella lotta al terrorismo “è necessario agire in stretta conformità con la Carta delle Nazioni Unite, basandosi su norme internazionali, rispettando i diritti sovrani e gli interessi legittimi di ogni stato”. Vladimir Putin ha ricordato che questi principi base hanno potuto riflettersi nella dichiarazione di Ufa dei BRICS, approvata nel 2015.

In precedenza il presidente russo aveva comunicato che al summit del G20 vi era la volontà di discutere con partner stranieri dal punto di vista delle barriere e dei rischi per il mercato internazionale le prospettive per la creazione di nuove unioni quali la partnership transoceanica Per questo ha sottolineato che uno sviluppo economico costante dipende direttamente “dal successo con cui la comunità internazionale affronta l’acuta sfida della contemporaneità, come il terrorismo e la confusione derivatane, gli impeti di violenza del problema profughi”.

Simona Fonti

Simona Fonti, 24 anni, studentessa UNINT del corso di laurea magistrale in traduzione e interpretazione. Membro di Russia in Translation dal 2015. simona.fonti09@gmail.com