Il mondo russo trova un posto nella scienza mondiale

I ricercatori riconoscono l’impatto di Dostoevskij, Tolstoj e Puškin

Fonte: Kommersant 16/12/2015. Articolo di Alexander Chernykh. Traduzione di Marcello De Giorgi.

Fëdor Dostoevskij è il più citato degli scrittori russi della comunità scientifica mondiale, e il più delle volte gli fanno riferimento psicologi, psichiatri e neurologi secondo i dati di uno studio condotto dagli analisti della compagnia Thomson Reuters. Al secondo posto con un piccolo margine si trova Lev Tolstoj, al terzo posto chiude Alexander Puškin. Allo stesso tempo le opere più famose della letteratura russa sono “I fratelli Karamazov”, “Guerra e Pace” e “Anna Karenina”. Alla Thomson Reuters hanno osservato che William Shakespeare, Goethe e Dante sono di gran lunga gli autori più popolari nel database di articoli scientifici, ma hanno suggerito che la letteratura russa sia citato meno a causa della barriera linguistica.

Il dipartimento di analisi della società internazionale Thomson Reuters è una delle organizzazioni più autorevoli in fatto di bibliometria. Sulla base del proprio database “Web of Science”, gli analisti calcolano regolarmente le pubblicazioni scientifiche più citate, creando un rating per studiosi, università e direzioni di ricerca. Tuttavia in onore dell’anno della letteratura la divisione russa della società ha condotto uno studio particolare: preparare un’analisi comparata delle citazione di scrittori russi e stranieri attraverso Web of Science.

“La ricerca deve dimostrare se le opere classiche influenzino il mondo scientifico, e se sia possibile misurare questo effetto – hanno detto a Kommersant da Thomson Reuters.- Come risultato, siamo stati in grado di identificare i classici più citati della letteratura russa, nonché di valutarne l’impatto sui capolavori letterari della scienza mondiale”.

Gli analisti hanno cercato riferimenti ad autori e opere dal programma scolastico russo di letteratura (nei quali sono spesso esclusi dal corso principale, ma spesso insegnati come opzionali, Vladimir Nabokov, Victor Pelevin e Vladimir Sorokin). In questo modo team di ricercatori è riuscito a filtrare manualmente gli omonimi con le stesse iniziali, e a prendere in considerazione riferimenti in un gran numero di lingue straniere, come ad esempio «Karamazov No Kyodai» («I fratelli Karamazov”) in giapponese o «Guerra e Paz» («Guerra e pace”) in portoghese. Alla Thomson Reuters confermano che dopo questo duro lavoro la percentuale di errore non supera il 5%. Tuttavia i problemi sono sorti per le opere poetiche: gli studiosi spesso non si riferiscono ad una particolare poesia, ma all’opera completa.

Gli autori russi più citati dalla comunità scientifica sono risultati: Fëdor Dostoevskij (7800 citazioni), Lev Tolstoj (6400) e Alexander Puškin (5200). Al quarto posto si trova Alexander Solženicyn (3500 citazioni), seguito da Anton Čechov (3100), Nikolaj Gogol’ (2350), Ivan Turgenev (2250) e Maksim Gor’kij (2100).

Allo stesso tempo, come più popolari nei lavori scientifici sono risultati i libri del “grande trio” dei classici. In primo luogo, “I fratelli Karamazov” (1319 referenze), secondo “Guerra e Pace” (942), e terzo “Anna Karenina” (743). Dopo di questi si trovano “Delitto e castigo” (663), “Eugenio Onegin” (620), “Memorie dal sottosuolo” (496), “L’idiota” (496). Solo alla fine dei primi dieci compaiono Aleksandr Solženicyn (“Arcipelago Gulag”, 399 referenze) e Boris Pasternak (“Il dottor Živago”, 374).

“Le opere della letteratura classica russa, come la maggior parte delle altre, vengono spesso citate in sociologia e nelle scienze umane da critici d’arte, storici e linguisti – hanno detto a Kommersant gli autori della ricerca.- Tuttavia, questi lavori hanno una grande influenza anche sulla ricerca nelle scienze naturali”.

Ad esempio, “I fratelli Karamazov” è citato in pubblicazioni nel campo della chimica. Abbiamo incontrato una delle citazioni in un articolo intitolato “Le catene proteiche come un testo letterario” – frasi da “I fratelli Karamazov” sono state utilizzate per convalidare i metodi di analisi dei segmenti ripetuti nelle proteine. E due su tre tra le opere matematiche che citano Tolstoj, vengono completamente dalle sue metafore matematiche del quarto volume di “Guerra e pace”.

La prima posizione di Fëdor Dostoevskij è spiegata dalla Thomson Reuters con l’interesse per le sue opere da parte di psicologi, psichiatri e neurologi. “Le citazioni delle sue opere prese dal contesto dell’analisi dei sintomi di epilessia dei protagonisti, delle malattie che colpiscono l’autore, e del rapporto tra le malattie dell’autore e dei suoi personaggi”, – dicono gli analisti. A questi temi sono dedicate oltre 100 pubblicazioni scientifiche, che a loro volta, vengono citate migliaia di volte da altri scienziati.

La citazione più popolare della letteratura russa è la prima riga del romanzo “Anna Karenina”: “Tutte le famiglie felici si assomigliano tra loro, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo.” Questa riga è tanto citata da ricerche appartenenti alle scienze umanistiche che alle scienze naturali. A volte questa frase è stata utilizzata in forma leggermente modificata, ad esempio: “Tutte le strutture ordinate sono simili, ciascuna struttura imperfetta è imperfetta a suo modo”. In una delle pubblicazioni questa citazione è stata usata come termine scientifico ufficiale: “il principio di Anna Karenina”.

Thomson Reuters ha constatato che gli autori russi non vengono citati tanto quanto i classici mondiali: Shakespeare (11.500 citazioni), Goethe (34.000 citazioni), Dante (18.000). Gli analisti attribuiscono questo soprattutto alla barriera linguistica: la maggior parte delle riviste scientifiche, dei libri e degli atti dei convegni, indicizzati in Web of Science, sono pubblicati in inglese.

Classifica delle citazioni di scrittori russi in base alle pubblicazioni scientifiche presenti in Web of Science

  1. Fëdor Dostoevskij (7800)

  2. Lev Tolstoj (6400)

  3. Alexander Puškin (5200)

  4. Alexander Solženicyn (3500)

  5. Anton Čechov (3100)

  6. Nikolaj Gogol'(2350)

  7. Ivan Turgenev (2250)

  8. Maksim Gor’kij (2100)

Classifica delle citazioni di opere russe in base alle pubblicazioni scientifiche presenti in Web of Science

  1. I fratelli Karamazov (1319)

  2. Guerra e pace (942)

  3. Anna Karenina (743)

  4. Delitto e castigo (663)

  5. Eugenio Onegin (620)

  6. Memorie dal sottosuolo (496)

  7. L’idiota (496)

  8. Arcipelago Gulag (399)

  9. Il dottor Živago (374)

  10. La morte di Ivan Il’ic (373)

  11. I demoni (360)

  12. Storia dello Stato russo (352)

  13. Il Maestro e Margherita (302)

  14. Anime morte (299)

  15. Il giardino dei ciliegi (213)

  16. Il gabbiano (211)

  17. Padri e figli (203)

  18. L’ispettore generale (186)

  19. Zio Vanja (160)

  20. Un eroe del nostro tempo (152)

 

Marcello De Giorgi

Nel giugno 2015 ho creato Russia in Translation con lo scopo di fornire traduzioni in lingua italiana di articoli dalla stampa russa.

0 pensieri riguardo “Il mondo russo trova un posto nella scienza mondiale

  • Dicembre 16, 2015 in 11:39 am
    Permalink

    E’ pensare che “Un eroe del nostro tempo” è il mio preferito ma è ultimo in questa classifica!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.