La Verchovna Rada ha approvato un budget deficitario

Fonte: Kommersant 25/12/2015. Traduzione di Federico Soragni

La Verchovna Rada (ndr il parlamento ucraino) ha approvato la legge finanziaria del 2016 con un deficit del 3,7%. Hanno votato favorevolmente 263 deputati dietro una maggioranza richiesta di 226 voti. Presentando la legge, il ministro delle finanze Natalja Jares’ko ha affermato che il parlamento ucraino ha rispettato i limiti del FMI. “Siamo in grado di portare avanti le riforme, siamo in grado di raggiungere dei risultati se siamo uniti.” “L’unità è la garanzia del successo ucraino e di un forte stato ucraino ed europeo” ha commentato il primo ministro Arsenij Jatsenjuk. I parlamentari hanno anche approvato le richieste del consiglio nazionale di difesa e sicurezza ucraino destinando il 5% del PIL alla difesa.

Le entrate del nuovo budget, secondo i deputati ucraini, supereranno quelle dell’anno precedente del 15,1% (88,1 mld di grivne) e arriveranno a 595,1 mld di grivne. A loro volta anche le spese cresceranno del 14,1% (86,7 mld di grivne) e raggiungeranno i 684,5 mld di grivne. Davanti al parlamento, Arsenij Jatsenjuk ha affermato che il documento finale non è perfetto, ma ha chiesto di approvarlo.

Io capisco che ci serve ancora lavorare non solo su questa finanziaria, ma anche su tutte le riforme, su quella fiscale e come su quelle che riguardano sanità e istruzione. Stiamo facendo questo lavoro passo dopo passo. 22 mesi fa nessuno si aspettava che il paese facesse così tanti progressi”

Il documento è stato approvato all’unanimità dal gruppo del premier Arsenij Jatsenjuk. Hanno votato a favore anche i deputati della gruppo di Petr Poroshenko, il partito radicale, il partito “Vidrozhdennja” ( ndr Rinascita) ed il partito“Volontà Popolare”. Hanno votato contro, invece, i gruppi “Bat’kivshina” e “Samopomosh’”. L’iter di approvazione della finanziaria è durato 5 ore dopo essere iniziato alle 23:00 circa del 24 dicembre. Il premier aveva avvertito i deputati che, se necessario, si sarebbero riuniti a Capodanno, e che senza la finanziaria non avrebbero lasciato la sala.

Un rappresentante della maggioranza ha riferito che molti deputati hanno votato “col naso tappato”: alcuni non volevano festeggiare il Capodanno votando in parlamento, altri temevano le accuse secondo cui non votando avrebbero “portato acqua al mulino avversario”. Un rappresentante dell’opposizione ha detto che questa votazione gli ha ricordato l’iter di approvazione della prima costituzione Ucraina dopo l’indipendenza, avvenuta anch’essa in piena notte. “All’inizio votarono e subito dopo si misero a discutere dei dettagli”

Il progetto della finanziaria è stato fatto sulla base di una previsione di crescita del PIL nel 2016 del 2% e con un cambio medio annuale previsto di 24,1 grivna/$. Natalja Jares’ko ha comunicato che, secondo la nuova legge, il prossimo anno verranno indicizzati due volte all’anno lo stipendio minimo ed il costo della vita. In virtù degli aumenti del 1° maggio e del 1° dicembre, essi cresceranno mediamente del 12,5%, cioè in linea con l’inflazione prevista. Il prezzo del gas è fissato entro i 260$ per 1000 m3.

Il parlamento ha inoltre introdotto delle modifiche nella tassazione. Secondo le nuove modifiche, il tasso del contributo sociale unico è fissato al 22% e il valore massimo da cui viene calcolato il contributo passa da 17 a 25 volte lo stipendio minimo.

Il capo del Ministero delle finanze ucraino ha anche aggiunto che il prossimo anno verranno destinati alla difesa 113,6 mld di grivne, il 5% del PIL, che rappresenta un valore abbastanza alto. Secondo i dati SIPRI, nel 2014 tra i 15 paesi che destinano la maggior parte del PIL alla difesa solo l’Arabia Saudita (10,4%) e gli Emirati Arabi Uniti (5,1%) hanno fatto di più. La quota della Russia è del 4,5%.

 

Siamo un progetto online che si prefigge di tradurre in maniera fedele ed imparziale articoli dalle principali testate giornalistiche della Federazione Russa.
Informare al meglio, raccontare storie, un’ulteriore versione dei fatti per aiutare a capire il mondo russo. In traduzione.

Russia in Translation

Siamo un progetto online che si prefigge di tradurre in maniera fedele ed imparziale articoli dalle principali testate giornalistiche della Federazione Russa. Informare al meglio, raccontare storie, un’ulteriore versione dei fatti per aiutare a capire il mondo russo. In traduzione.