“La Russia sta provando a cambiare i confini dell’Europa”

Durante i dibattiti del New Hampshire i democratici hanno discusso delle azioni di Mosca

Traduzione di Antonino Santoro

Negli USA si sono tenuti i primi dibattiti uno-contro-uno tra Hillary Clinton e Bernie Sanders ovvero i due democratici che aspirano alla candidatura presidenziale. L’ex Segretario di Stato USA ha accusato la Russia di star provando a cambiare i confini dei paesi europei e di “far mettere i paesi europei l’uno contro l’altro sottraendo i loro territori”. Mister Sanders non si è dichiarato d’accordo con la tesi della Clinton sul fatto che la Russia rappresenti adesso la principale minaccia alla sicurezza nazionale USA.

Durante il dibattito televisivo nello stato del New Hampshire è stato chiesto a Hillary Clinton e a Bernie Sanders di commentare le dichiarazioni di questa settimana fatte dal Ministro della Difesa USA Ashton Carter sul fatto che la Russia costituisca una delle principali minacce alla sicurezza nazionale USA. In tali dichiarazioni il Capo del Pentagono ha anche parlato di Cina, Nord Corea ed Iran e dell’associazione terroristica ISIS, illegale in diversi paesi tra i quali in Russia.

“Io penso che Carter si stia concentrando sulla continua pressione che la Russia sta svolgendo nei confronti dei nostri alleati europei, sui metodi con i quali sta cercando di cambiare i confini stabiliti in Europa dopo la seconda guerra mondiale e sui metodi con i quali sta cercando di mettere i paesi europei l’uno contro l’altro sottraendo i loro territori, trattenendo la Crimea e iniziando a considerare se sia possibile realizzare un attacco verso i paesi baltici” – ha dichiarato Hillary Clinton. La Clinton ha sottolineato che sullo sfondo di tali condizioni Washington deve “fare di più per sostenere i partner della NATO”. “E noi dobbiamo mandare un segnale molto chiaro a (Presidente russo – Kommersant) Putin sul fatto che tali inammissibili metodi per il controllo dei confini non resteranno senza una risposta” – ha aggiunto. La Clinton ha poi accusato Mosca anche per il sostegno verso il Presidente siriano Bashar Assad.

Hillary Clinton ha fatto capire che l’Iran e la Corea del Nord, anch’esse incluse nella lista di Ashton Carter, rappresentano per gli USA una minaccia minore rispetto alla Russia. “Noi abbiamo raggiunto un accordo con l’Iran sul suo programma nucleare, abbiamo un piano e controlleremo che venga rispettato. E dobbiamo essere vigili. Per quanto riguarda la Corea del Nord, questo paese sta continuando ad elaborare un programma nucleare e un programma di missili balistici” ha dichiarato l’Ex Segretario di Stato che continua a primeggiare nella corsa verso la presidenza.

Di posizioni alquanto diverse si è dichiarato il suo avversario Bernie Sanders. Questi non si è infatti dichiarato d’accordo con la tesi secondo la quale la Russia sarebbe la principale minaccia per la sicurezza nazionale USA, anche se ha ammesso di essere preoccupato dall’ “avventura militare” della dirigenza russa in Crimea e in Ucraina. Secondo l’opinione di Sanders la principale minaccia è rappresentata dal gruppo terroristico dello Stato Islamico e in secondo posto dalla Corea del Nord. “La Corea del Nord è un paese estremamente isolato e comandato da un gruppo di dittatori (o, probabilmente, da un solo dittatore) che si mostrano paranoici. E questi hanno delle armi nucleari” ha dichiarato il pretendente alla carica di Presidente degli USA.

Durante i dibattiti Bernie Sanders ha dichiarato che in politica estera gli USA non devono puntare tutto su azioni unilaterali né assumersi il ruolo di gendarmi del mondo. “Noi non dobbiamo essere coinvolti negli infiniti combattimenti nel Vicino Oriente” ha sottolineato.

Fonte: Kommersant 5/02/2016

 

Traduttore, Collaboratore. Mi sono unito al progetto di RIT per la mia passione verso la traduzione e la lingua russa.
antosha87sr@gmail.com

Antonino Santoro

Traduttore, Collaboratore. Mi sono unito al progetto di RIT per la mia passione verso la traduzione e la lingua russa. antosha87sr@gmail.com