Punto di vista: è l’ora di abolire la NATO

Fonte: Pravda.ru 3/03/2016 Traduzione di Antonino Santoro

Secondo Aleksandr Perendzhiev, docente della cattedra di politologia e sociologia dell’Università Russa di Economia G.B. Plechanov, la struttura della NATO era stata creata con lo scopo di garantire la sicurezza europea. E questo compito non è capace di portarlo a termine. Un segno di tutto ciò è rappresentato dal colossale flusso di profughi verso i paesi europei.

“Si vede – ha dichiarato l’esperto commentando per Pravda.Ru – che le strutture di potere, inclusa la NATO, non adempiono in alcun modo ai propri compiti a tal riguardo. Verso la NATO vi sono adesso delle forti richieste da parte della comunità europea.  Di fatto l’Europa smetterà di percepire l’organizzazione militare come propria struttura europea. L’opinione generale dei paesi europei considera la NATO come una organizzazione creata “da estranei”. Per questo motivo è sorta e viene fortemente elaborata la questione riguardo la creazione di un esercito UE”.

Secondo l’esperto, davanti le politiche occidentali vi è il compito di far aumentare il prestigio della NATO in Europa. E per questo motivo stanno tentando nuovamente di accusare la Russia. Accusarla di stare bombardando siriani inermi i quali poi fuggono in Europa. “Ma – ha dichiarato Aleksandr Perendzhiev – vorrei ricordare come in primo luogo i profughi fuggano dall’Africa, dalla Libia, dall’Afghanistan. In Europa hanno persino trovato una vecchietta afghana di 100 anni che aveva deciso di vivere in pace. E quindi fuggono da quei paesi verso i quali la Russia non ha alcun legame.”

Secondo l’esperto c’è senso guardare anche la politica della stessa Unione Europea riguardo i processi migratori. Evidentemente gli europei hanno fatto tutto il possibile per diventare attraenti, per fare in modo che tutti fuggano verso l’Europa. E proprio per questo ora i politici cercano un motivo al di fuori  dell’Europa. Le strutture europee e le dirigenze stanno cercando ognuna di risolvere i propri problemi tra cui quello d’immagina. Ecco quindi che tutti provano a gettare tutte le sciagure contro la Russia. Ma la Russia non ha alcun legame con questi flussi migratori.

Aleksandr Perendzhiev ha anche ricordato a Pravda.Ru che il Cancelliere tedesco Angela Merkel discute del problema dei profughi non con la Russia, ma con la Turchia. Il Presidente turco R. Erdogan vuole ricevere dalla Germania i mezzi per il fatto di stare trattenendo il flusso di migranti.

“Io penso – ha evidenziato l’esperto – che se la Russia controllasse delle strutture sovranazionali allora noi potremmo ricorrere in tribunale, ad esempio, contro il comandante delle forze NATO in Europa Philip Breedlove il quale ci accusa di usare gli sfortunati profughi come arma contro l’Europa. Ma, purtroppo, nel mondo moderno questo processo non è possibile..”

Traduttore, Collaboratore. Mi sono unito al progetto di RIT per la mia passione verso la traduzione e la lingua russa.
antosha87sr@gmail.com

Antonino Santoro

Traduttore, Collaboratore. Mi sono unito al progetto di RIT per la mia passione verso la traduzione e la lingua russa. antosha87sr@gmail.com