Prisma in cima alle classifiche di App Store in 10 paesi in appena 9 giorni

Il creatore dell’app per stilizzare le foto è l’impiegato di Mail.ru Aleksey Moiseenkov

di Elizaveta Sergina, Anastasija Golitsyna, Oleg Salmanov

Fonte:  Vedomosti 20.06.2016 – Traduzione di Sydney Vicidomini

L’app Prisma, elaborata dai russi e lanciata appena nove giorni fa, l’11 giugno, è diventata una delle più scaricate nell’App Store in 10 paesi: Russia, Bielorussia, Estonia, Moldavia, Kirghisia, Uzbekistan, Kazakistan, Lettonia, Armenia, Ucraina. Lo riferiscono i dati dei sistemi di analisi delle applicazioni App Annie. Secondo gli stessi dati l’app ha un rating molto alto (4,5) in tre paesi: Russia, USA e Germania.

Prisma consente di modificare le fotografie trasformandole in imitazioni di quadri di pittori famosi (come quelli di Marc Chagal e di Edward Munch). L’applicazione utilizza l’algoritmo delle reti neurali per realizzare la somiglianza con l’originale.

Il fondatore del progetto, Aleksey Moiseenkov, è un dipendente del gruppo Mail.ru. Fino ad ora aveva lavorato come manager del prodotto My.com. Moiseenkov ha raccontato a “Vedomosti” che Prisma è stato scaricato già 650.000 volte soltanto in Russia, ma non dichiara le cifre mondiali. A parte questo, il creatore di Prisma dichiara che la compagnia ha “concordato” un relativo aumento della potenza necessaria per lo sviluppo del progetto, ma che Prisma fa del suo meglio per reggere il ritmo di crescita a livello mondiale.

Secondo quanto detto da Moiseenkov, Prisma e’ un suo progetto personale e Mail.ru non è per niente coinvolta. Ha raccontato che si sta licenziando da Mail.ru, pur mostrando all’azienda gratitudine per avergli permesso di lavorare in un bell’ambiente professionale. “Sono fantastici, ed è anche grazie a loro, in parte, che è andata a finire così,” ha detto.

Leggi anche
15 posti radioattivi in Russia da cui è meglio stare alla larga - 2° parte

Dall’altro lato, in una comunicazione ufficiale, Mail.ru ha lasciato intendere di aver messo gli occhi sul progetto di Moiseenkov. “Dopo appena una settimana dal lancio, l’app Prisma, creata dal nostro collega Aleksey Moiseenkov, aveva già conquistato i social network e le classifiche. Noi crediamo nel futuro delle reti neurali e siamo convinti che il successo di Prisma darà a My.com la possibilità di proporre (ai suoi clienti) nuovi interessanti prodotti. Facciamo gli auguri ad Aleksey e agli altri membri della sua squadra che hanno contribuito con le loro idee,” questo è il messaggio apparso domenica sulla pagina Facebook di My.com.

Due interlocutori di “Vedomosti” vicini al gruppo riferiscono che in teoria l’azienda potrebbe avanzare pretese sul progetto realizzato dal suo dipendente, ma non è ancora chiaro se lo farà o no.

Il partner di Prisma che fornisce alla compagnia i server in Europa e in America è Servers.com, secondo quanto comunicato da Moiseenkov in una conversazione su Facebook. Il direttore generale e coproprietario di Servers.com Aleksey Gubarev ha confermato che le aziende sono partner. Gubarev dichiara che ogni giorno bisogna  aumentare la potenza del 100% rispetto a quella iniziale. In questo modo, spiega, nell’arco di 20 giorni a partire dal lancio, il volume della potenza attivata sarà aumentato di 20 volte. Gubarev riconosce che né i creatori di Prisma, né i loro partner si aspettavano una crescita così esplosiva. Riguardo le condizioni economiche concordate tra le due compagnie, Gubarev non si esprime.

Alcuni interlocutori di “Vedomosti” in contatto con il creatore di Prisma raccontano che uno dei consulenti del progetto è stato proprio Jurij Gurskij, vice-presidente di Mail.ru per i nuovi prodotti. Gurskij non commenta questa notizia, mentre Moiseenkov la conferma.

Leggi anche
Da dove deriva il nome Žiguli?

Uno degli interlocutori di “Vedomosti” dichiara che nessuno si aspettava una simile valanga e che il successo del progetto si immaginava nell’arco di cinque o sei mesi. “E’ una grande sorpresa per tutti”, dice. Lo stesso interlocutore ci tiene anche a precisare che il vero merito della squadra non sta tanto nel fatto di aver capito come usare il principio delle reti neurali, ma nell’aver trovato come farlo a basso costo e con una potenza sufficiente.

L’applicazione, che permette di modificare le fotografie in modi diversi, è diventata molto popolare tra gli investitori. A marzo di quest’anno Facebook, il più grande social network del mondo, ha comprato l’azienda bielorussa Masquerade, produttrice di una delle app più popolari nell’App Store dal nome MSQRD. MSQRD permette di apporre dei filtri alle fotografie prima della pubblicazione, filtri tra i quali ci sono anche quelli con il viso delle persone famose. E’ stato durante gli Oscar, la cerimonia di premiazione dell’accademia cinematografica americana, che l’app ha avuto il suo ultimo picco di popolarità. Moltissimi utenti hanno usato il filtro con il viso di Leonardo di Caprio per sostenere la sua premiazione. Secondo i dati degli sviluppatori quest’applicazione era stata scaricata 12 milioni di volte in quel momento (uno dei partner dichiara che il numero di scaricamenti è maggiore e si aggira intorno ad alcune decine di milioni). L’applicazione è stata realizzata da alcuni programmatori di Minsk.

Il servizio Snapchat, che consente agli utenti di scambiarsi messaggi multimediali, ha attirato più di 1,8 miliardi di dollari durante l’ultima tornata di finanziamenti. Tra i suoi nuovi investitori le fonti fanno il nome dei fondi di investimento Sequoia Capital, Spark Capital, Meritech Capital Partners e Dragoneer Investment Group. Secondo i risultati attuali, riportati dal blog TechCrunch, il costo di Snapchat si aggira intorno ai 18 miliardi di dollari. A marzo del 2015 gli investitori avevano attribuito all’azienda un valore di sedici miliardi.

Leggi anche
Žiguli o Carro Armato?

Moiseenkov dichiara che Prisma non necessita ancora di investimenti.

Il rappresentante di Mail.ru non ha ancora risposto a questa domanda per “Vedomosti”.

Insegnante, traduttrice, poliedrica. Curiosa del mondo e appassionata divulgatrice. Autrice di Russaliana – appunti russi di un’italiana su russaliana.me
sydney.vicidomini@gmail.com

Sydney Vicidomini

Insegnante, traduttrice, poliedrica. Curiosa del mondo e appassionata divulgatrice. Autrice di Russaliana – appunti russi di un’italiana su russaliana.me
sydney.vicidomini@gmail.com