I mass media hanno rinvenuto una predizione sconosciuta di Vanga su “un uomo dalla Russia”

Fonte: Pravda.Ru 1/10/2016 Traduzione di Simona Fonti

La profetessa bulgara Vanga, una delle più autorevoli chiaroveggenti dello scorso secolo, ha previsto il conflitto in Siria molto prima della sua morte.  Di questo ha parlato il suo amico Dimitrij Gacev.

Questi ha inoltre affermato: “Era un giornalista libanese. Quando le ha chiesto: quando ci sarà pace? Lei ha risposto: quando cadrà Damasco”. “Come anche nella Bibbia è scritto: arriverà il giorno in cui Damasco sarà un cumulo di macerie”, ha aggiunto la profetessa.

Inoltre, secondo le parole di Gracev, Vanga si è così pronunciata sulla Russia: “La Russia non si allontanerà mai dalla Bulgaria. La Turchia, la Grecia non ci interessano. Noi abbiamo bisogno della Russia. E proprio dalla Russia presto arriverà un uomo e ci salverà. Salverà tutti. La Russia è la madre terra!”.

Si noti come parte delle previsioni di Vanga si sia realizzata in senso letterale, mentre alcune non sono mai state comprese.

“Il nome completo della profetessa è Vangelia Gušterova . É nata e ha passato quasi tutta la sua vita in una piccola città bulgara di frontiera, Petric.  Essendo diventata cieca all’età di 12 anni, dopo che un turbine d’aria l’ha trascinata lontano, le è stato assegnato il dono della chiaroveggenza”, dicono di lei gli storici.

Se si crede a Vanga, che cosa spettarsi dal mondo e dalla Russia nel 2016?

“Il male crescerà come un cardo e farà esplodere le città, scuotendo i continenti”, affermò Vanga a una giornalista a proposito delnuovo secolo  e ancora una dozzina e tre anni” (lo si interpreta come il 2016).

Leggi anche
Partenza in massa

“Il mondo non ha conosciuto i momenti più duri”, ha detto alla giornalista bulgara come se si lamentasse e, citiamo, “ho serrato i miei occhi ciechi”.

Altre fonti annunciano che “il 2016, secondo l’opinione di Vanga, sarà un anno cruciale per tutta l’umanità. La profetessa circa 50 anni fa aveva detto che per il 2016 l’Europa si sarebbe spopolata”.  Tuttavia, come dicono i giornalisti, molto di quello che lei ha detto è stato semplicemente non capito, mentre una decina di anni fa una parte delle sue rivelazioni apparivano come un rompicapo insolubile e senza senso.  “Come epicentro di questa guerra devastante Vanga individua esattamente la Siria, culla di molte civiltà e culture, paese in cui per migliaia di anni diverse religioni hanno convissuto. E alla domanda quando inizierà, la chiaroveggente ha dato una risposta concreta: “La Siria non è ancora caduta…”.

Se si parla della Russia, allora Vanga ha affermato che al nostro paese tocca tentare ogni cosa, andare avanti con le ultime forze, ma gli sforzi non saranno vani e il paese si salverà”.

Ecco le sue parole: “L’umanità è destinata ancora a molti cataclismi ed eventi burrascosi… si avvicinano tempi duri, si divideranno le persone dalle loro fedi…il sapere  più antico giungerà al mondo… mi chiedono quando questo accadrà, presto? No, non presto. La Siria ancora non è caduta…”.

“Nessuno attaccherà la Russia, nessuno attaccherà gi Stati uniti. La guerra inizierà da un piccolo paese, inferiore alla Russia. Sarà un’opposizione interna che prenderà il sopravvento sulla guerra civile, si spargerà molto sangue e in questo imbuto della guerra civile molti paesi più piccoli e la Russia e gli stati Uniti e molti altri saranno tirati dentro. E questo sarà l’inizio della terza guerra mondiale”, ha affermato prima di morire l’archimandrita Odesskij Iona. Sulle date di questa guerra egli ha affermato: “Ecco io morirò ed entro un anno inizierà”. È morto a dicembre 2012. In un anno in Ucraina è iniziato il movimento Euromaidan…

Leggi anche
A Mosca sono iniziati i Giorni del patrimonio storico e culturale

Si ricordi che i grandi profeti del mondo hanno scritto e detto che proprio con il conflitto in Siria “si avvicina l’inizio della terza guerra mondiale”. Anche molti profeti di fama mondiale hanno dato severi, ma esatti,  pronostici sul destino della Russia nel 21esimo secolo.

 

 

Simona Fonti, 24 anni, studentessa UNINT del corso di laurea magistrale in traduzione e interpretazione. Membro di Russia in Translation dal 2015. simona.fonti09@gmail.com

Simona Fonti

Simona Fonti, 24 anni, studentessa UNINT del corso di laurea magistrale in traduzione e interpretazione. Membro di Russia in Translation dal 2015. simona.fonti09@gmail.com