Una lettera di Čechov battuta all’asta per 3,6 milioni di rubli

Fonte: RIA Novosti  3/10/2016, tradotto da Emanuela Raga

MOSCA, 3 ottobre – RIA Novosti.  Secondo quanto reso noto dal servizio stampa della casa d’aste “Litfond”, una lettera dello scrittore Anton Čechov, scritta all’età di ventitré anni, un anno prima della pubblicazione del suo primo libro, è stata venduta all’asta per 3,6 milioni di rubli.

“Uno dei top lot dell’asta ha visto protagonista una lunga lettera indirizzata ad un amico di famiglia dello scrittore, Gabriel Kravtsov. Čechov scrisse la lettera esattamente un anno prima l’uscita del suo primo libro, citando all’interno della stessa alcuni pseudonimi che utilizzò poi nelle sue prime opere. Quotata inizialmente per un valore di 2,1 milioni di rubli, è stata battuta all’asta per 3,6 milioni di rubli. “, riferisce il comunicato.

Anche “Le fiabe di Melpomene”, prima raccolta giovanile di Čechov e pubblicata sotto lo pseudonimo di A. Čekhonte nel 1884, ha suscitato gran interesse da parte dei collezionisti.  La raccolta è stata venduta al prezzo di 1,8 milioni di rubli partendo da un valore iniziale di 600 mila rubli. Sono stati messi all’asta anche alcuni scritti autografati dallo scrittore in persona. Il secondo libro dell’autore “Racconti variopinti”, pubblicato nel 1886, anche questo sotto lo stesso pseudonimo  e autografato dall’editore Ivan Belousov, è stato acquistato per 1,7 milioni di rubli.

Inoltre, sempre secondo quanto reso noto, una collezione di opere pubblicate dalla casa editrice Marx e risalenti al periodo che va dal 1899 al 1901, così come alcuni volumi dati alle stampe dopo la sua morte (due dei cinque presenti all’asta), sono stati venduti per 3,5 milioni di rubli per un valore iniziale di 1,7 milioni di rubli.

Classe 1989, studiosa di lingua e letteratura russa, traduttrice e collaboratrice freelance. Mi sono unita al progetto RIT perché anche io condivido l’idea di un’informazione senza filtri, che permetta al lettore di costruirsi un’opinione propria. Contatto: horoshoema@outlook.it

Leggi anche
Il professor MacFadyen: "La Russia è un potente brand con connotazioni sessuali"

Emanuela Raga

Classe 1989, studiosa di lingua e letteratura russa, traduttrice e collaboratrice freelance. Mi sono unita al progetto RIT perché anche io condivido l’idea di un’informazione senza filtri, che permetta al lettore di costruirsi un’opinione propria. Contatto: horoshoema@outlook.it