La Russia parteciperà all’Eurovision 2017

FONTE: Rossijskaja Gazeta, 31/10/2016, di Aleksandr Alekseev, tradotto da Massimiliano Macrì

 La 62° edizione dell’Eurovison Song Contest si svolgerà nella capitale dell’Ucraina dal 9 al 13 maggio 2017. Le semifinali si terranno martedì 9 e giovedì 11 mentre le finali sabato 13 maggio, lo ha annunciato il supervisore del concorso canoro Jon Ola Sand.

«Siamo lieti che 43 emittenti televisive nazionali hanno confermato la disponibilità a partecipare all’Eurovision 2017. Un tale numero di partecipanti non si vedeva dal 2011, quando l’Eurovision si svolse nella città tedesca di Düsseldorf. Siamo molto contenti che il nostro concorso riesce ad attirare un pubblico di spettatori come nessun altro spettacolo. L’anno scorso lo hanno seguito più di 200 milioni di telespettatori e non vediamo l’ora che arrivi maggio dell’anno prossimo con i tre fantastici show a Kiev» ha dichiarato Sand nella conferenza stampa. Tra i partecipanti ci sarà anche la Russia.

Si potrà eguagliare il record del 2011 grazie al ritorno in gara del Portogallo e della Romania, inoltre per il terzo anno consecutivo prenderà parte all’Eurovision anche un cantante australiano.

D’altra parte, maggio è ancora lontano ed è prematuro poter garantire la partecipazione di tutti i 43 stati al concorso. Come dimostra quello successo negli anni passati, di solito ci sono quelli che rifiutano di spostarsi già durante le prove del programma, o per problemi finanziari o per la perdita d’interesse verso il concorso da parte del pubblico. L’evento si svolgerà presso il Centro Internazionale delle Esposizioni di Kiev che può accogliere 11000 persone.

 

L’Eurovision 2017 si terrà a Kiev dato che la passata edizione del concorso tenutasi a Stoccolma è stata vinta dalla cantante ucraina Jamala con la canzone “1944”. Il nostro Sergej Lazarev si è classificato terzo con la canzone “ty – edinstvennaja” (sei unica).

Nato tra due mari, nel punto più ad est d’Italia, dalle parti di Lecce, in un sole troppo forte da sopportare. Ho studiato prima letteratura russa e inglese poi traduzione presso l’Università del Salento. Nel mezzo ho viaggiato per mezza Europa e vissuto e lavorato a Vilnius, Mosca, Kiev e Berlino, ho fatto il volontario per ESN e parecchi scambi interculturali. Eclettico e poliedrico, sono appassionato di fotografia, viaggi, arte, letteratura e opera, gioco a rugby da amatore. Se amo tutto ciò che riguarda la Russia lo devo anche a mio nonno che quando aveva 80 anni (ora ne ha 93) ha cominciato a studiare il russo dopo aver passato la sua vita in mare. Il mio sogno è di spingermi a est: a Vladivostok!
Leggi anche
Alina Orlova presenta il suo album "88"

Massimiliano Macrì

Nato tra due mari, nel punto più ad est d’Italia, dalle parti di Lecce, in un sole troppo forte da sopportare. Ho studiato prima letteratura russa e inglese poi traduzione presso l’Università del Salento. Nel mezzo ho viaggiato per mezza Europa e vissuto e lavorato a Vilnius, Mosca, Kiev e Berlino, ho fatto il volontario per ESN e parecchi scambi interculturali. Eclettico e poliedrico, sono appassionato di fotografia, viaggi, arte, letteratura e opera, gioco a rugby da amatore. Se amo tutto ciò che riguarda la Russia lo devo anche a mio nonno che quando aveva 80 anni (ora ne ha 93) ha cominciato a studiare il russo dopo aver passato la sua vita in mare. Il mio sogno è di spingermi a est: a Vladivostok!