Mikhail Saakashvili ha annunciato le dimissioni dalla carica di governatore della regione di Odessa

Fonte kommersant.ru, 7/11/2016, tradotto da Massimiliano Macrì

 

Il governatore della regione di Odessa, Mikhail Saakashvili, ha annunciato la sua decisione di dimettersi. «Ho deciso di dimettermi e avviare una nuova fase della lotta», ha detto in occasione di un incontro a Odessa. Il video del discorso è stato pubblicato su Facebook.

Saakashvili ha detto che in Ucraina la corruzione è dilagante, “l’ultima goccia” per lui è stata la diffusione delle dichiarazioni dei redditi dei funzionari pubblici. «Io non voglio abbandonare i cittadini Odessa al loro destino, ma voglio dire loro che senza alcun dubbio risolleveremo le nostre sorti e di Odessa. Quando sono arrivato qui, avrei voluto che ci fosse lo stesso ritmo di sviluppo che c’era stato a Batumi, ma ricordo bene che Batumi ha iniziato a svilupparsi solo dopo che abbiamo liberato Tbilisi dalla corruzione. E Odessa e la relativa regione si svilupperanno solo dopo che Kiev si libererà dei corruttori che patrocinano il banditismo e l’illegalità senza freni» ha dichiarato.

Ai suoi avversari politici Saakashvili ha detto che «non si aspettino di liberarsi di me», e ha aggiunto «Io sono quel soldato che fa quel che può e poi tanto quanto è necessario. E poi farò tutto il possibile per una vittoria completa, per liberare l’Ucraina da queste canaglie, da questa fanghiglia corrotta, che sfrutta il sangue dei nostri soldati e il sacrificio di Maidan. Hanno tradito gli ideali della rivoluzione ucraina e il loro unico scopo è quello di riempirsi le tasche, rafforzare la loro cricca ed infine saccheggiare l’Ucraina», così ha concluso Saakashvili.

 

Ricordiamo che Mikhail Saakashvili è il governatore dell’amministrazione regionale di Odessa dal 30 maggio 2015. Negli anni 2004-2007 e 2008-2013 è stato il presidente della Georgia. Nell’ottobre di quest’anno, durante la sua visita negli Stati Uniti, ha dichiarato che dopo l’”inevitabile” vittoria del suo partito “Movimento Nazionale Unito” alle elezioni parlamentari, tornerà in Georgia.

Leggi anche
La decomunizzazione al contrario: Google promette di restituire i nomi alle città della Crimea

 

Nato tra due mari, nel punto più ad est d’Italia, dalle parti di Lecce, in un sole troppo forte da sopportare. Ho studiato prima letteratura russa e inglese poi traduzione presso l’Università del Salento. Nel mezzo ho viaggiato per mezza Europa e vissuto e lavorato a Vilnius, Mosca, Kiev e Berlino, ho fatto il volontario per ESN e parecchi scambi interculturali. Eclettico e poliedrico, sono appassionato di fotografia, viaggi, arte, letteratura e opera, gioco a rugby da amatore. Se amo tutto ciò che riguarda la Russia lo devo anche a mio nonno che quando aveva 80 anni (ora ne ha 93) ha cominciato a studiare il russo dopo aver passato la sua vita in mare. Il mio sogno è di spingermi a est: a Vladivostok!

Massimiliano Macrì

Nato tra due mari, nel punto più ad est d’Italia, dalle parti di Lecce, in un sole troppo forte da sopportare. Ho studiato prima letteratura russa e inglese poi traduzione presso l’Università del Salento. Nel mezzo ho viaggiato per mezza Europa e vissuto e lavorato a Vilnius, Mosca, Kiev e Berlino, ho fatto il volontario per ESN e parecchi scambi interculturali. Eclettico e poliedrico, sono appassionato di fotografia, viaggi, arte, letteratura e opera, gioco a rugby da amatore. Se amo tutto ciò che riguarda la Russia lo devo anche a mio nonno che quando aveva 80 anni (ora ne ha 93) ha cominciato a studiare il russo dopo aver passato la sua vita in mare. Il mio sogno è di spingermi a est: a Vladivostok!