Putin parla dei piani per creare un campionato amatoriale di calcio russo

Fonte: Rossijskaja Gazeta 12/11/2016. Tradotto da Ilaria Errante Parrino e Virginia Bianchi

 

Durante l’incontro con i lavoratori a Jaroslavl’, Vladimir Putin ha svelato per quali squadre di calcio e di hockey tifa e ha rassicurato che gli stadi per i Mondiali 2018 saranno pronti in tempo. Inoltre il presidente ha comunicato che oltre al campionato amatoriale di hockey ci sarà anche quello di calcio.

“C’è una domanda che agita la componente maschile della collettività” ha detto uno degli operai.

“Dobbiamo tappare le orecchie alle donne?” ha sorriso il capo dello Stato.

“I Mondiali di calcio di avvicinano” ha continuato il dipendente dello stabilimento.

“Anche le donne tifano e vanno allo stadio” è intervenuto a favore delle signore Vladimir Putin.

Il dipendente ha chiesto dello stadio senza mezzi termini: “Facciamo in tempo a finire di costruirlo?”

“È ovvio che facciamo in tempo” il presidente non ha esitato un secondo.

Allora un operaio si è incuriosito: “E lei per quali squadre di calcio e di hockey tifa?”

Dopo aver notato che non sarebbe giusto per lui tifare per una squadra in particolare, Putin ha rivelato che sostiene le squadre russe. “Nonostante che io ami guardare le squadre che giocano bene” ha aggiunto.

È da un po’ di tempo che la Nazionale di calcio non esprime un bel gioco e non diverte ed è per questo che gli appassionati di hockey si sono moltiplicati. “C’è molto da fare – sostiene il Presidente – e prima di tutto si deve lavorare con i giovani e creare le condizioni per la valorizzazione”.

“Abbiamo una scuola calcio molto buona. Nel mercato del lavoro i talenti che erano richiesti, li convincevano ad andare ovunque. – ha continuato il capo di Stato – Bisogna creare le condizioni per far sì che i ragazzi non abbiano voglia di andarsene”. Condizioni finanziarie e organizzative, ha precisato.

“I requisiti specifici devono essere: dover giocare qui per un certo periodo e poi poter andare dove si vuole. Bisogna stabilire delle norme appropriate per far interessare i ragazzi, per non far sì che le nostre squadre li perdano, e per far parte del mondo dello sport a livello internazionale, compreso l’ambito del calcio e dell’hockey” sostiene Putin.

“Per quanto riguarda gli stadi, tutto sarà pronto in tempo, entro i limiti prestabiliti e bene. – ha garantito il Presidente – Ci sono dei lievi ritardi, ma questa situazione è temporanea, tutto sarà completato” ha sottolineato.

Un altro operaio, che gioca nel campionato russo di hockey amatoriale, si è presentato e ha fatto una domanda sul sostegno allo sport.

“Mi è venuto in mente mio padre; lavorava in una fabbrica ed è sempre stato orgoglioso di ciò” ha detto il Presidente, il quale ha anche evidenziato che lo sport per i bambini deve essere necessariamente sostenuto sia dalle regioni che dai comuni.

E concludendo il discorso, Putin ha reso noto che verrà creato un campionato di calcio amatoriale su modello di quello di hockey.

SSML Carlo Bo Firenze

L’idea di una collaborazione tra Russia in Translation e la SSML Istituto Universitario Carlo Bo sede di Firenze nasce dal desiderio di mettere alla prova le capacità traduttive degli studenti già durante il loro percorso di studi e permette al gruppo classe non solo di mette in pratica in modo costante le tecniche acquisite quotidianamente in aula, ma altresì di avvicinarsi al mondo ed alla cultura russa. Sotto la supervisione delle Prof.sse Alessandra Gennaioli e Natalia Zhukova, gli studenti del secondo anno propongono così articoli che spaziano dalla letteratura alla politica, dalla musica allo sport, dall’economia al cinema. La classe lavora in gruppi ed i membri di ogni gruppo operano un’attività di brainstorming e una revisione reciproca fino ad arrivare alla versione finale che viene pubblicata di comune accordo. Ovviamente, la suddivisione in gruppi avviene non seguendo l’alfabeto, bensì sulla base degli interessi personali degli studenti perché oltre che un lavoro, la traduzione deve essere un piacere!