I russi sono pronti per la giornata della Costituzione

La maggior parte dei cittadini sa quale festività viene celebrata il 12 dicembre.

La maggior parte dei cittadini russi, il 70% sa che il 12 dicembre in Russia si festeggia la giornata della Costituzione. Tuttavia gli argomenti trattati negli articoli della Costituzione sono capiti solo dall’11% della cittadinanza. Il 41% dei cittadini non l’ha mai letta e il 24% si orienta male nei suoi contenuti. Il “Levada Center” ha riportato questi dati alla vigilia della giornata della Costituzione. I sociologi ritengono che nel sistema d’istruzione ci sia una scarsa attenzione allo studio dei diritti e alle politiche fondamentali dello Stato russo. — Questa è, da un lato, la conseguenza di una scarsa attenzione da parte del sistema educativo allo studio della Costituzione– tra i russi di età fra i 18 e i 24 anni non è stata letta praticamente da nessuno, — dall’altro — è dovuto al basso interesse degli stessi cittadini ai diritti e alle politiche fondamentali dello Stato russo. Non per niente l’atteggiamento di sufficienza dell’educazione nei confronti della Costituzione della Federazione Russa si trasmette in ciascun cittadino a causa dei problemi dell’amministrazione statale nella sfera dell’educazione patriottica. – sostiene la sociologa del “Levada Center” Karina Pipija Ciò nonostante la maggior parte dei cittadini interpellati — 38 % — ritiene che la Costituzione garantisca loro i diritti e le libertà, ma 25% dubita che la Legge aiuti a preservare la disciplina nel Paese. Nell’insieme, in confronto alla fine del 1990, in cui la popolazione aveva sempre più fiducia nella Costituzione (come) significativa per la vita del Paese, nell’anno 2014-2015, in particolar modo, si assisteva all’ascesa del patriottismo, — rispose Karina Pipija. — Si è moltiplicato il numero delle autorità che leggono e rispettano la Costituzione: oggi il 35%. Nel novembre 2013 erano il 27%.  Il presidente della fondazione “Politica Peterburskaja”, Mihail Vinogradov, ritiene che i rappresentanti delle autorità cittadine credono nella regolarità dell’operato dopo l’arresto dei grandi ufficiali pubblici. Secondo le sue parole, l’applicazione della legge da parte degli organi infatti ha innalzato il prestigio della lotta contro la corruzione. Nell’insieme, secondo Vinogradov, negli ultimi anni lo status della Costituzione si è abbassato poco alla volta, e nascevano appelli, come sempre dall’opposizione, a coloro che erano sporadici. L’esperto in politica Abbas Galljamov risponde che nessun sondaggio sugli andamenti a lungo termine può dimostrare niente, poiché le cifre hanno un andamento incostante. Questo, a parer suo, conferma la tesi comune secondo cui “ per la società russa il diritto per adesso è così e non diventerà una mucca sacra, che è importante indipendentemente che ci sia o non ci sia.” Certamente, la gente sente la parola “Costituzione”, ma poiché nella loro vita tutto è determinato da opportunità generali, e non da norme giuridiche, queste per loro rimangono astratte- sostiene l’esperto politologo.
L’avvocato Victor Naumov, a sua volta, è sicuro che in questi dati è minato il prestigio della Costituzione, e che non sempre rappresentano il livello effettivo del lavoro di tutela dell’ordine pubblico. Il basso livello di competenza dei russi sul contenuto della Costituzione, purtroppo, non suscita dubbi- lo dimostrano anche molti studenti di diritto universitario. Il problema di tutto ciò consiste nell’abbassamento della qualità media dell’istruzione superiore, così accade per l’intera cultura del diritto nei livelli di base, fra i cittadini comuni e fra i rappresentanti delle autorità. La pratica relativa al diritto esercita una seria influenza sulla situazione: in queste condizioni, quando le leggi in vigore regolarmente e su larga scala sono violate, il rispetto verso queste cala automaticamente- sottolinea Victor Naumov.

Fonte: Izvestija.ru 08/12/2016. Tradotto da Giada Puccinelli e Alessia Santosuosso.

Potrebbe interessarti

SSML Carlo Bo Firenze

L’idea di una collaborazione tra Russia in Translation e la SSML Istituto Universitario Carlo Bo sede di Firenze nasce dal desiderio di mettere alla prova le capacità traduttive degli studenti già durante il loro percorso di studi e permette al gruppo classe non solo di mette in pratica in modo costante le tecniche acquisite quotidianamente in aula, ma altresì di avvicinarsi al mondo ed alla cultura russa. Sotto la supervisione delle Prof.sse Alessandra Gennaioli e Natalia Zhukova, gli studenti del secondo anno propongono così articoli che spaziano dalla letteratura alla politica, dalla musica allo sport, dall’economia al cinema. La classe lavora in gruppi ed i membri di ogni gruppo operano un’attività di brainstorming e una revisione reciproca fino ad arrivare alla versione finale che viene pubblicata di comune accordo. Ovviamente, la suddivisione in gruppi avviene non seguendo l’alfabeto, bensì sulla base degli interessi personali degli studenti perché oltre che un lavoro, la traduzione deve essere un piacere!