Politico: L’Ucraina ha tentato di aiutare Hillary Clinton a vincere le elezioni a presidente degli Stati Uniti

Fonte Gazeta.ru 11/01/2017. Traduzione di Alessandro Lazzari

La campagna elettorale del candidato del partito repubblicano Donald Trump non è stata l’unica sostenuta dall’esterno: il governo ucraino ha provato ad aiutare il candidato del partito democratico Hillary Clinton a vincere le elezioni e a minare il successo di Trump. Queste informazioni sono state rese note da Politico.
Si fa notare come funzionari ucraini abbiano diffuso documenti riguardanti il coinvolgimento del principale aiutante di Trump in affari di corruzione, e allo stesso tempo abbiano aiutato gli “alleati della Clinton” a trovare e pubblicare informazioni diffamatorie contro Trump e i suoi sostenitori.

Inoltre, a detta di alcune persone a conoscenza della situazione, un funzionario ucraino-americano che era stato sottoposto a consultazioni nel Comitato nazionale del partito democratico si è incontrato con i propri colleghi nell’ambasciata ucraina a Washington nel tentativo di rivelare i contatti con la Russia del direttore della campagna elettorale di Trump Paul Manafort.

La rivista scrive che le prove di interferenza ucraina nelle elezioni americane sono molto poche. Alcuni osservatori suppongono che la corruzione, l’instabilità economica e le spaccature interne al paese abbiano di fatto annullato le possibilità dell’Ucraina di intromettersi nella campagna elettorale di un altro stato.

Viene fatto anche osservare che l’amministrazione del presidente Porošenko, insieme agli impiegati dell’ambasciata ucraina a Washington, insiste nel sostenere che l’Ucraina non ha in nessun modo partecipato alla corsa alla presidenza.

In precedenza era stato comunicato che gli Stati Uniti hanno accusato la Russia di aver tentato di influenzare le elezioni politiche in “una ventina di paesi”.

Sono nato nel 1993 in provincia di Treviso. Nel 2015 mi sono laureato in Lingue, civiltà e scienze del linguaggio presso l’università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi sulla crisi dei missili di Cuba analizzata dal punto di vista sovietico dell’epoca. Nei tre anni a Venezia ho studiato tedesco e russo. Dopo l’esperienza di un semestre all’Università Pedagogica di Tula, ho deciso di tornare in Russia a proseguire i miei studi. Attualmente sono studente magistrale presso l’Università Statale di Mosca per le Relazioni Internazionali (MGIMO). Nel tempo libero insegno italiano a ragazzi russi. Sono appassionato di storia sovietica e traduco volentieri articoli di politica ed economia.

Leggi anche
Dmitrij Medvedev: "Noi non siamo l'UE. Siamo più forti e più stabili"

Alessandro Lazzari

Sono nato nel 1993 in provincia di Treviso. Nel 2015 mi sono laureato in Lingue, civiltà e scienze del linguaggio presso l’università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi sulla crisi dei missili di Cuba analizzata dal punto di vista sovietico dell’epoca. Nei tre anni a Venezia ho studiato tedesco e russo. Dopo l’esperienza di un semestre all’Università Pedagogica di Tula, ho deciso di tornare in Russia a proseguire i miei studi. Attualmente sono studente magistrale presso l’Università Statale di Mosca per le Relazioni Internazionali (MGIMO). Nel tempo libero insegno italiano a ragazzi russi. Sono appassionato di storia sovietica e traduco volentieri articoli di politica ed economia.