Leggende degli anni ’80: i Mirage

Fonte: kulturologia.ru

Il primo album dei Mirage è uscito 30 anni fa. Ma tutt’oggi non si trova una discoteca anni ’80 che non passi le loro canzoni. Si sta vivendo un ritrovato interesse per la musica di quei tempi che stanno vivendo una seconda vita. Hit come “La musica ci ha legati” («Музыка нас связала»), “Questa notte” («Эта ночь»), “Nuovo eroe” («Новый герой») eccetera sono cantate in tutto il paese ma nessuno sa come appariva veramente un vocalist. Tutti i segreti dei “Mirage” sono stati scoperti solo dopo molti anni.

La storia della band inizia nel 1985, quando il compositore e tastierista Andrej Litjagin, una studentessa del conservatorio, Margarita Suchankina, ed il collettivo “Zona aktivnosti” registrarono la canzone “Informazioni dai giornali” («Информация из газет»). Un anno dopo il gruppo Mirage produsse 12 canzoni, alcune delle quali scritte dalla Suchankina. Dato che sognava una carriera come cantante d’opera decise di lasciare il gruppo. Litjagin dovette cercare rapidamente una nuova cantante con lo stesso timbro di voce. Per questo ruolo venne presa Natal’ja Gul’kina che registrò 5 canzoni e nel 1987 venne pubblicato l’album “Le stelle ci stanno aspettando” («Звезды нас ждут»): il primo nella storia del gruppo Mirage.

Svatlana Razina e Natal’ja Gul’kova durante un concerto dei Mirage

Nei primi sei mesi il gruppo, che non era mai apparso in televisione e non passava alla radio, acquisì una incredibile popolarità. Le loro cassette erano vendute in tutte le bancarelle. Quindi Litjagin decise di iniziare un tour. A tal fine il gruppo decise di prendere un’altra solista: Svetlana Razina. Il programma del tour era molto stretto, il gruppo aveva 80-90 concerti al mese. Al culmine della popolarità Gu’lkina decise di lasciare i Mirage e di creare un suo progetto: Zvezdy. Nel dicembre del 1988, Svetlana Razina si sposò con il produttore del gruppo Valerij Sokolov e presto lasciò la band fondando con il marito nel 1989 il gruppo Feja (Фея). Naturalmente la popolarità dei nuovi progetti non resse il confronto con i Mirage.

I Mirage avevano un’altra volta bisogno di un nuovo solista. Anche se dei cantanti potevano anche fare a meno, Suchankina e Gul’kina crearono delle basi su cui si poteva cantare in playback. Durante i concerti la gente sentiva sempre la stessa voce conosciuta mentre le facce dei cantanti cambiavano continuamente. Per un breve periodo entrarono nel gruppo Irina Saltykova e Inna Smirnova. In tutto il paese con il nome di Mirage nacquero allo stesso tempo centinaia di cover band. Per un anno nel gruppo lavorò Natalija Vetlickaja, recitando anche nel primo video clip dei Mirage e prestando la sua voce al medley di tre canzoni Io non voglio, La musica ci ha legati e Questa notte (Я не хочу, Эта ночь e Музыка нас связала).

Una volte un cantante si ammalò o non arrivò al concerto. I biglietti erano esauriti da tempo ed il produttore non voleva annullare lo show. Sul palco salì la costumista del gruppo, Tatiana Ovsienko che sfruttando il playback si finse la solista dei Mirage. Da allora iniziò ad esibirsi con la band. Nel 1989 venne prodotto il secondo album, tutte le canzoni furono ancora una volta registrate da Margarita Suchankina. Su sua richiesta il suo cognome non venne menzionato da nessuna parte, altrimenti avrebbe dovuto porre fine alla carriera da cantante d’opera. Tutti conoscevano la sua voce ma nessuno sapeva che volto avesse. Sui manifesti del gruppo i fan vedevano Tat’iana Ovsienko, che allora era diventata leader solista e immagine dei Mirage. Nello stesso anno il brano La musica ci ha legati raggiunse la finale del “Le canzoni dell’anno”.

Tatiana Ovsienko solista dei Mirage


Negli anni ’90, per decisione di Andrej Litjagin, Tat’jana Ovsienko fu sostituita da una nuova cantante: Katerina Boldy
ševa. Nonostante il fatto che durante i concerti del gruppo si esibisse dal vivo, la popolarità dei Mirage diminuì drasticamente. Il gruppo non riusci a replicare il successo della fine degli anni ’80 nel nuovo decennio.

Nel 1999 Litjagin tentò di ravvivare l’interesse per il progetto con una nuova formazione dei Mirage con giovani ragazze. Ma la completa ristrutturazione non fu un successo, le soliste cantavano ancora una volta con la voce della Suchankina. Nel 2005 ci furono diversi concerti dedicati al 18° anniversario del gruppo ai quali parteciparono quasi tutte le ex soliste dei “Mirage”. Natal’ja Gul’kina e Margarita Suchankina iniziarono ad esibirsi insieme e pubblicarono l’album “Semplicemente mirage”.

La formazione rinnovata di inizio anni 2000

Solo nel 2005 i creatori del gruppo hanno rivelato tutti i segreti della grande truffa negli anni ’80. Litjagin ha comunicato che si rammarica solo di una cosa: di non essere riuscito a creare un gruppo Mirage in ogni città. Nel 2009 Gul’kina e Suchankina hanno pubblicato un nuovo album “1000 stelle” ma non hanno avuto successo. Nel 2011 il posto di Gul’kina è stato di nuovo preso da Svetlana Razina, ma un anno dopo ha lasciato il gruppo.

Natal’ja Gul’kina e Margarita Suchankina

Nel giugno 2015 ho creato Russia in Translation con lo scopo di fornire traduzioni in lingua italiana di articoli dalla stampa russa.

Leggi anche
Putin confessa: amo il cinema patriottico, i classici, mi piacciono “i buoni propositi e le storie d’amore”

Marcello De Giorgi

Nel giugno 2015 ho creato Russia in Translation con lo scopo di fornire traduzioni in lingua italiana di articoli dalla stampa russa.