Oltre 163 mila persone hanno ammirato i capolavori della Pinacoteca Vaticana esposti alla galleria Tret’jakov

L’arte italiana riscuote ancora una volta grande successo: migliaia di visitatori in fila alla galleria Tret’jakov per le opere della Pinacoteca Vaticana. 

MOSCA, 2 MARZO – RIA NOVOSTI. Tradotto da Beatrice Zadro

Più di 163.000 persone hanno visitato la mostra “Roma Aeterna. Capolavori della Pinacoteca Vaticana. Bellini, Raffaello, Caravaggio” tenutasi alla galleria Tret’jakov dal 25 novembre al 1 marzo, come è stato riportato a Ria Novosti nel servizio stampa del museo. 

“Si tratta di una mostra esclusiva con capolavori unici. Il nostro obiettivo principale è stato limitare gli ingressi per motivi di sicurezza e per il rispetto della temperatura ambientale” raccontano nel reportage.

L’entrata al museo è stata organizzata per turni non superiori a cento persone presenti in sala. 

Alla mostra “Roma Aeterna. Capolavori della Pinacoteca Vaticana” sono stati presentati 42 dipinti risalenti ai secoli XII-XVIII. Tra di essi anche le opere di Giovanni Bellini, Melozzo da Forlì, Pietro Perugino, Raffaello, Caravaggio, Guido Reni, Guercino, Nicolas Poussin. L’opera più antica è “Cristo Benedicente” del XII secolo, che precedentemente non era mai stata esposta in mostre temporanee e non aveva mai lasciato i confini del Vaticano. 

 

 

 

 

Nata nel 1995 a Reggio Emilia, sono laureanda al corso di Lingue,Civiltà e Scienze del Linguaggio dell’università Ca’ Foscari di Venezia. Da sempre appassionata di lingue, ho intrapreso lo studio del russo per curiosità verso una realtà così vicina ma contemporaneamente così lontana. Ho concluso un semestre presso l’università HSE-Higher School of Economics a Mosca, dove ho potuto approfondire la conoscenza della lingua e Relazioni Internazionali oltre che poter vivere nella capitale russa di cui mi sono innamorata. Amo la Russia perché mi sorprende e regala nuovi punti di vista sul mondo. Amo leggere e viaggiare. Parlo inglese e tedesco.

Leggi anche
Verso il passato: che fine ha fatto l'arte sovietica ufficiale

Beatrice Zadro

Nata nel 1995 a Reggio Emilia, sono laureanda al corso di Lingue,Civiltà e Scienze del Linguaggio dell’università Ca’ Foscari di Venezia. Da sempre appassionata di lingue, ho intrapreso lo studio del russo per curiosità verso una realtà così vicina ma contemporaneamente così lontana. Ho concluso un semestre presso l’università HSE-Higher School of Economics a Mosca, dove ho potuto approfondire la conoscenza della lingua e Relazioni Internazionali oltre che poter vivere nella capitale russa di cui mi sono innamorata. Amo la Russia perché mi sorprende e regala nuovi punti di vista sul mondo. Amo leggere e viaggiare. Parlo inglese e tedesco.