Nelle scuole di Mosca si terranno lezioni in memoria di Evgenij Evtušenko

Fonte: Izvestia.ru 03/04/2017. Tradotto da Giada Puccinelli e Alessia Santosuosso.

Insegnanti e studenti ricorderanno la biografia del poeta e leggeranno i suoi versi.

Lunedi, nelle scuole di Mosca sarà ricordata la figura del poeta Evgenij Evtušenko, venuto a mancare sabato 1 Aprile negli Stati Uniti all’età di 85 anni. L’iniziativa è stata intrapresa dagli insegnanti e dagli studenti delle scuole moscovite e di questa iniziativa si parla in un comunicato stampa del Ministero dell’Istruzione di Mosca.

Secondo il rappresentante dell’Associazione giovanile dei responsabili dell’organizzazione scolastica di Mosca e direttore della scuola n°2095, Il’ija Novokreščenov, durante le lezioni gli alunni ricorderanno la biografia del poeta e leggeranno le proprie poesie preferite di Evgenij Evtušenko.

Sia permesso, a chiunque voglia onorare la memoria del grande poeta, recitare durante una qualsiasi lezione uno dei componimenti di Evgenij Aleksandrovič, non necessariamente a memoria, e, cosa molto importante, le letture dovranno avvenire solo se vi sia questo desiderio, affinché tutta questa manifestazione possa essere realizzata esclusivamente sulla libera iniziativa del singolo” – sono queste le parole di Novokreščenov riportate da RIAMO (testata di Mosca e dell’Oblast’ di Mosca, n.d.r.).

L’Associazione giovanile dei responsabili dell’organizzazione scolastica di Mosca chiede a tutti coloro che lo desiderino di aderire a questa iniziativa.

L’addio al poeta e la cerimonia funebre per Evgenij Aleksandrovič si terranno negli USA nella chiesa interreligiosa vicino all’università della città di Tulsa, dove Evtušenko insegnò fino ai suoi ultimi giorni di vita.

Il luogo di sepoltura del poeta sarà nel cimitero dei poeti russi nel complesso Peredelkino, accanto alla tomba di Boris Pasternak.

Evgenij Evtušenko è stato poeta sovietico e russo. Raggiunse la fama come prosatore, regista, attore, sceneggiatore e pubblicista. Il poeta è morto di cancro nell’ospedale della città di Tulsa, Oklahoma, negli USA il 1 Aprile 2017 a 85 anni.

L’idea di una collaborazione tra Russia in Translation e la SSML Istituto Universitario Carlo Bo sede di Firenze nasce dal desiderio di mettere alla prova le capacità traduttive degli studenti già durante il loro percorso di studi e permette al gruppo classe non solo di mette in pratica in modo costante le tecniche acquisite quotidianamente in aula, ma altresì di avvicinarsi al mondo ed alla cultura russa.
Sotto la supervisione delle Prof.sse Alessandra Gennaioli e Natalia Zhukova, gli studenti del secondo anno propongono così articoli che spaziano dalla letteratura alla politica, dalla musica allo sport, dall’economia al cinema.
La classe lavora in gruppi ed i membri di ogni gruppo operano un’attività di brainstorming e una revisione reciproca fino ad arrivare alla versione finale che viene pubblicata di comune accordo.
Ovviamente, la suddivisione in gruppi avviene non seguendo l’alfabeto, bensì sulla base degli interessi personali degli studenti perché oltre che un lavoro, la traduzione deve essere un piacere!

Leggi anche
Putin confessa: amo il cinema patriottico, i classici, mi piacciono “i buoni propositi e le storie d’amore”

SSML Carlo Bo Firenze

L’idea di una collaborazione tra Russia in Translation e la SSML Istituto Universitario Carlo Bo sede di Firenze nasce dal desiderio di mettere alla prova le capacità traduttive degli studenti già durante il loro percorso di studi e permette al gruppo classe non solo di mette in pratica in modo costante le tecniche acquisite quotidianamente in aula, ma altresì di avvicinarsi al mondo ed alla cultura russa.
Sotto la supervisione delle Prof.sse Alessandra Gennaioli e Natalia Zhukova, gli studenti del secondo anno propongono così articoli che spaziano dalla letteratura alla politica, dalla musica allo sport, dall’economia al cinema.
La classe lavora in gruppi ed i membri di ogni gruppo operano un’attività di brainstorming e una revisione reciproca fino ad arrivare alla versione finale che viene pubblicata di comune accordo.
Ovviamente, la suddivisione in gruppi avviene non seguendo l’alfabeto, bensì sulla base degli interessi personali degli studenti perché oltre che un lavoro, la traduzione deve essere un piacere!