Il Cremlino di Izmailovo

Il Cremlino di Izmailovo è un complesso culturale e ricreativo unico, costruito in modo da assomigliare a un’antica fortezza pseudo-russa, con mura, torri e fortificazioni.

Nonostante il nome, che sembrerebbe richiamare un’origine antica, il Cremlino di Izmailovo non ha nulla a che vedere con i palazzi e le fortezze storiche di Mosca: è stato costruito tra il 1998 e il 2007 e all’apparenza ricorda una sorta di villaggio fantastico, fatto di dolciumi e pan di zenzero, arricchito con elementi dell’architettura russa. Si potrebbe dire piuttosto kitsch, ma non in modo eccessivo. Sicuramente è molto curioso e non esiste nulla di simile in città.

All’interno, il complesso è per lo più un centro di intrattenimento: ci sono diversi piccoli musei e sale espositive, laboratori artigianali e botteghe, una chiesa ortodossa, una caffetteria e un ristorante dove è possibile pranzare con la famiglia o con gli amici (si può persino prenotare una sala banchetti). All’interno del Cremlino c’è anche il “Palazzo dei matrimoni” e un’agenzia matrimoniale; all’esterno vi sono le gallerie commerciali del vernissage di Izmailovo, che circondano la fortezza.

Spesso i visitatori si recano a Izmailovo semplicemente per dare un’occhiata e fotografare questo luogo singolare.

Il complesso architettonico del Cremlino di Izmailovo

Dal punto di vista compositivo, il Cremlino di Izmailovo si presenta come un’imitazione stilizzata di una fortezza russa situata su una collina, con tanto di mura, torri e decorazioni, accessibile tramite un lungo ponte. Tuttavia, quando si costruì il Cremlino, non vi era lo scopo di riprodurre un’autentica fortezza russa simile a quelle realmente esistite in passato, poiché il complesso si poteva considerare semplicemente come una libera fantasia architettonica composta da diversi cliché russi, alle volte eccessivi e non fedeli agli originali. I tetti variopinti, gli archi, le mattonelle smaltate, le colonne, i caratteristici merli a coda di rondine, le aquile a due teste e i grifoni, il contrasto tra la pietra e gli elementi in legno: tutto questo si intreccia sorprendentemente nel Cremlino di Izmailovo, rendendolo simile piuttosto a un castello delle fiabe, uscito dalle pagine della “Fiaba dello zar Saltan”.

All’interno della fortezza improvvisata si trova il “cortile russo”, nella piazza centrale del quale si erge il tempio di San Nicola, la chiesa ortodossa del monastero maschile Danilov di Mosca. Il tempio è costruito in legno e con un’altezza di 46 metri, è la più alta chiesa in legno di tutta Mosca.

Vicino al tempio si trova il “Palazzo del pasto russo” costruito sulla base dei palazzi di legno situati nelle antiche tenute di Kolomenskaya e Izmailovo. Per i più sofisticati, amanti delle antichità, nel sotterraneo vi sono delle cantine di vini e delle stanze di tortura ricostruite.

Ai lati il perimetro del cortile è circondato da costruzioni in legno o in pietra, decorati in stile russo, che ospitano un bar, dei piccoli musei, delle sale espositive e delle botteghe artistiche.

I musei sul territorio del Cremlino

Le sale e i locali del Cremlino di Izmailovo ospitano una grande quantità di piccoli musei interattivi e sale espositive, tra cui:

  • La galleria “Arte – Cremlino”
  • Il museo della storia della vodka
  • Il museo del pane
  • Il museo della storia della marina russa
  • Il museo dei bambini maleducati
  • Il museo vivente dell’arte popolare
  • Il museo delle miniature “Storia del mondo in plastilina”
  • Il museo dello zucchero filato
  • Il museo del cioccolato
  • Il museo dell’animazione di Mosca
  • La galleria “Vicolo delle bambole”
  • La casa delle bambole abbandonate e dei giocattoli dimenticati
  • La casa delle fiabe “C’era una volta”

In alcuni musei vi sono dei laboratori artistici e di artigianato in cui i visitatori possono partecipare a masterclass a tema e cimentarsi in vari mestieri, come la forgiatura della ceramica o la tessitura.

Vernissage a Izmailovo

Il vernissage di Izmailovo è un enorme mercato di quadri, souvenir, oggetti di artigianato, oltre che un mercatino delle pulci e di antiquariato. Esso si dirama intorno al Cremlino ed è collegato ad esso da ponticelli e passaggi coperti. È curioso il fatto che il mercato sia comparso prima del Cremlino, infatti quest’ultimo è stato costruito sulla base del vernissage.

I padiglioni del vernissage erano costruiti nello stesso stile simil russo, in modo leggermente meno accurato. Per comodità dei visitatori, è diviso in più parti: c’è la via dell’artigianato, il vicolo degli artisti, il mercatino delle pulci e degli antiquari e anche il cortile dei fucinatori, e altre parti. Inoltre, nel territorio del vernissage c’è una riproduzione di un mulino a vento a grandezza naturale e una riproduzione in versione ridotta della prima corazzata russa, costruita secondo i progetti di Pietro I.

L’attività del mercato è concentrata nei weekend, mentre durante la settimana solo una piccola parte delle bancarelle è aperta, quelle che vendono volgari souvenir russi: vecchi berretti di pelo, matrioške con la faccia di Putin, magneti tutti uguali e altre cianfrusaglie.

La storia del Cremlino di Izmailovo

Il Cremlino di Izmailovo sorse in una zona abbandonata, vicino al quale, già dagli anni ’80, esisteva un famoso vernissage, un mercato delle pulci e dell’antiquariato, dove si vendevano oggetti vintage, libri, oggetti decorativi e artigianato popolare russo.

La costruzione del complesso culturale e ricreativo, ovvero il Cremlino, è iniziata nel 1998 e venne aperto nel 2003. Il primo ad essere costruito fu il tempio dedicato a San Nicola, già nel 2000. Tuttavia, nel 2005, vi fu un grande incendio che coinvolse sia il Cremlino che il mercato e il complesso venne nuovamente chiuso fino al 2007, anno in cui venne ultimata la sua ricostruzione nella sua forma attuale, circondato da mura bianche e torri.

L’aspetto del Cremlino di Izmailovo venne interpretato in maniera diversa: molti cittadini lo guardavano con ostilità, ritenendolo un semplice castello costruito a basso costo, ma con il tempo divenne una delle più famose attrazioni per turisti della città.

Oggi il Cremlino di Izmailovo riceve grande consenso anche da parte dei moscoviti, che ci vanno spesso per passeggiare con i bambini (in particolare gli abitanti della zona) e attira l’interesse dei turisti stranieri, che qui cercano il contatto con la cultura russa. Qui si tengono matrimoni, feste, visite guidate, e in un modo o nell’altro, nonostante le critiche, questo luogo pittoresco è diventato una delle maggiori attrazioni della città.

Tuttavia, bisogna ricordare che questo non è un museo della cultura russa, ma un complesso culturale e ricreativo, quindi le aspettative di chi lo visita non devono essere esagerate.

Il Cremlino di Izmailovo si trova nel quartiere Izmailovo, ed è raggiungibile a piedi dalla fermata della metro “Partizanskaya” sulla linea 3 oppure la fermata “Izmailovo” sulla linea 14.

Fonte: mosprogulka.ru, tradotto da Chiara Faini

Potrebbe interessarti

Classe 1995, nata a Milano e attualmente studentessa magistrale di Management internazionale. Ho vissuto un semestre a Mosca, dove ho lasciato un pezzo di cuore. In attesa di tornare a riprendermelo, mi dedico alle attività che più amo: leggere, viaggiare, tradurre.

Chiara Faini

Classe 1995, nata a Milano e attualmente studentessa magistrale di Management internazionale. Ho vissuto un semestre a Mosca, dove ho lasciato un pezzo di cuore. In attesa di tornare a riprendermelo, mi dedico alle attività che più amo: leggere, viaggiare, tradurre.