Una volta non era un playboy. Le rivelazioni degli stranieri sugli uomini russi

Gli stranieri raccontano francamente cosa pensano degli uomini russi

Una giornalista svedese ha pubblicato un articolo secondo il quale gli uomini moderni russi “si sono indeboliti e sono andati a male”. In risposta alle sue conclusioni Rossijskaja Gazeta ha raccolto i commenti di ragazze dall’Italia, dalla Colombia, dal Giappone e da altri paesi, per conoscere il loro parere sui nostri connazionali e se effettivamente l’uomo russo non è più lo stesso.

Il giornale svedese SVT ha pubblicato un articolo di Elin Jonsson sugli uomini russi. La giornalista sostiene che la pesante storia del nostro paese con numerose guerre e rivoluzioni abbia “mutilato” gli uomini della Russia, ai quali la società moderna aveva iniziato a riservare un trattamento speciale. Da quando in Russia è comparsa la birra pregiata, hanno perfino smesso di bere vodka (come i veri uomini moderni, secondo la giornalista) e ora passano il tempo sdraiati sul divano con una lattina in mano, mentre le loro mogli lavorano, mantengono l’ordine ed educano i figli. E fanno tutto contemporaneamente.

Le donne russe hanno paura di rimanere senza soldi e senza un tetto sulla testa con un bambino in braccio, perciò oltre al mantenimento del comfort domestico devono costruirsi una carriera. Gli uomini hanno smesso di sentirsi responsabili per la loro famiglia, che possono abbandonare il qualsiasi momento, stanchi della vita familiare. Le sue conoscenti dalla Russia e dai paesi ex sovietici hanno raccontato questo alla Jonsson. Rossijskaja Gazeta ha parlato con ragazze di diversi paesi, per sapere il loro parere sugli uomini russi di oggi. La colombiana Raquel è sposata da sette anni con un uomo russo, per il quale si è trasferita a Mosca da Bogotá.

“La prima cosa che ho notato negli uomini russi è che parlano schiettamente. Per loro è più importante essere sinceri che educati, mentre in America Latina è assolutamente il contrario. Per me è stato un grande shock quando ho sentito gli uomini russi parlare francamente di ciò che non gli piace,” racconta Raquel a Rossijskaja Gazeta.

“Ho anche notato che gli uomini russi non sanno flirtare. Potrei dire che per i nostri ragazzi colombiani flirtare è una cosa molto facile e naturale, mentre per i russi non tanto”.

“Mi piace molto che l’uomo russo si prenda cura della propria ragazza, anche se non è sposato con lei. Il ragazzo considera i tuoi bisogni, suoi bisogni. Ero profondamente entusiasta quando il mio ragazzo russo iniziava a dire che “dobbiamo risolvere un problema”: per lui i miei bisogni erano molto importanti. I nostri ragazzi colombiani si interessano così tanto alle donne solo dopo il matrimonio. Possono invitarti ad un appuntamento, pagare il conto al ristorante e farti regali, ma non andranno mai così a fondo nei tuoi problemi, finché non diventerai la loro famiglia,” evidenzia Raquel. “Mi piace inoltre che gli uomini russi non urlano frasi volgari alle donne per strada. In America Latina spesso si può sentire un “complimento” da un passante. Certamente, ci sono i colombiani che dicono cose gradevoli, ma ci sono anche uomini che molto volgarmente apprezzano il tuo fisico e il tuo aspetto.  Mi piace che in Russia posso andare per la strada e nessuno mi dice niente, in questo modo non mi sento a disagio.

“Mi è capitato di parlare con dei russi durante le mie lunghe trasferte a Vladivostok. La metà maschile del team si è sempre comportata in modo rilassato, tranquillo e bonario (ma non posso dire lo stesso della metà femminile)”, racconta l’insegnante Mayumi dal Giappone.

L’intervistata dalla Rossijskaja Gazeta ha ricordato la storia di un corteggiatore russo: “Un uomo del posto mi aveva dato dei segni di interessamento, è stato molto galante e all’inizio mi sembrava molto carino. Ma sfortunatamente, non è successo niente tra di noi, mi ha portato in un caffè una volta e poi non ha fatto altri passi. Anche io ho trovato un playboy”.      

Una casalinga italiana parla positivamente degli uomini russi in seguito ad un viaggio per le città della Russia fatto assieme al marito e ai suoi amici nel 2012. Hanno visitato San Pietroburgo, Mosca, la regione di Vladimir e Rostov. Mara considera gli uomini russi molto amichevoli, i passanti, che di sera uscivano a passeggiare, erano affabili e suggerivano la strada agli italiani.  La loro guida ha suscitato un grande effetto su Mara, la quale le è sembrata una persona gentile e molto intelligente: parlava in modo appassionato di cultura e di usanze russe.

Anche la studentessa Alessandra, arrivata a Mosca dalla Germania per studio, ha espresso la propria opinione sugli uomini della Russia.

«Già vivendo in Germania avevo conosciuto dei russi e già mi ero fatta una qualche opinione sugli uomini russi. Capii che erano più conservatori dei tedeschi. Inoltre, loro si preoccupano molto del loro aspetto, si allenano continuamente e vanno in palestra, ma io non andrò a generalizzare e giudicare tutti gli uomini russi sulla base di qualche conoscente. Quando sono arrivata in Russia, ovviamente ho visto che qui non ci sono così tanti tipi muscolosi, che escono in jeep fighe e indossano falsi di orologi costosi, ma i tipi giovani sono realmente preoccupati del loro aspetto esteriore», — ha raccontato a Gazeta.ru Alessandra.

«Oltre la dipendenza dall’aspetto li unisce una cosa: li spaventa molto che qualcuno li consideri gay. Per me, come persona, cresciuta in una società liberale, che combatte contro gli stereotipi di genere e l’omofobia, è incredibile. Un ragazzo mi disse una frase sconcertante: «Se io ora non farò sesso con te, tu sicuramente penserai che io sia gay». Sebbene fosse il nostro primo appuntamento, capii perfettamente che gli piacevano le ragazze. La paura di sembrare gay risiede profondamente addirittura nei giovani ben istruiti con sguardi liberali. Certamente questi giudizi non riguardano chiunque, enfatizzo solamente qualche tratto popolare degli uomini russi, partendo dalla mia esperienza personale. Ma mi sembra che i russi debbano prestare attenzione agli aspetti di genere, poiché qui non sempre reagiscono adeguatamente ai rappresentanti di minoranze sessuali».

«Gli uomini russi sono abbastanza romantici, anche se non lo sembrano. Possono sembrare così, mangiano per cena carne cruda di orso, ma dentro sono premurosi e teneri. Molti di loro a volte amano ascoltare canzoni d’amore, leggere poesie e guardare film romantici. Tuttavia, in qualsiasi situazione rimangono sempre dei veri uomini. Ad esempio, per lui pagare il conto al ristorante è un fatto di onore. Anche se la ragazza (orrore) ha mangiato di più di lui. E se la sua compagna propone di dividere il conto, questo può offendere l’uomo. Lo stesso riguarda i biglietti dell’opera o il cinema, ma non tali dettagli come l’ombretto o il tappetino in bagno», — ha raccontato a gazeta.ru la giornalista Lara dall’Equador.

Anche la ragazza ha raccontato com’è essere la moglie di un uomo russo: “Se avrete relazioni serie con un russo, lui mangerà e apprezzerà sempre il vostro cibo, anche se voi sinceramente cucinate male. Ma d’altra parte ogni uomo russo si aspetta che voi cuciniate per lui ogni giorno. Può essere che con tale marito dovrete placare le vostre ambizioni di carriera e diventare una donna di casa, ma in cambio lui si prenderà cura di voi e dei vostri figli. Dicono che gli uomini non piangono, e questo riguarda soprattutto i russi. Probabilmente nasconderanno i loro sentimenti feriti e mostreranno autocontrollo emotivo piuttosto che piagnucolare e lamentarsi. Quindi, se il tuo ragazzo russo è irritato o triste, terrà per sé questi sentimenti così profondi per quanto possibile”, ha condiviso la giornalista.

I francesi considerano gli uomini russi personaggi misteriosi, dal momento che per la maggior parte non li vedono: si perdono sullo sfondo delle loro compagne, vengono offuscano dalla loro bellezza brillante. Russe che sono sempre ”in tiro” vengono accompagnate dai loro uomini che, di solito, camminano anonimi e accigliati con un sacco di pacchetti in mano. Questo è il ritratto di una tipica coppia di nostri connazionali, che è abbastanza comune incontrare in Costa Azzurra.

“Gli uomini russi generalmente sembra siano considerati maleducati e grandi bevitori, poco attraenti, ma mi è capitato di conversare con due rappresentanti di sesso maschile nati in Russia, che ricordo piacevoli, affascinanti e persone molto interessanti”, condivide l’opinione il francese Christian Woner, che vive in un quartiere russo a Nizza.

“Non salutano, non sorridono, corrono sempre da qualche parte con il telefono in mano e pensano molto al lavoro, ma apparentemente non si distinguono per nulla” — così definisce i nostri connazionali Monica, compagna di stanza di Christian. “Sono molto intelligenti, giocano a scacchi meglio di tutti, amano filosofare e bere birra sulle spiagge”, aggiunge Monica. “Proprio ieri ho visto un ragazzo alto, incredibilmente bello ed elegante, e stranamente era Russo”, condivide l’impressione la francese Beatrice, che vive a Cannes. – Lui mi ha sorriso, e i russi di solito non sorridono, e tutto sommato, non si guardano intorno. E in generale, i ragazzi russi sono belli: basta solo vedere gli occhi azzurri.

“I russi non sanno come comunicare con le ragazze, preferiscono andare al bar con gli amici maschi, per discutere dei loro affari da uomini e bere vodka, altra cosa – gli italiani o gli spagnoli, con loro possono divertirsi”, — dice la francese Monica in pensione. “Per gli uomini russi la cosa più importante non è come si presentano loro stessi, ma come appare la loro macchina, il loro orologio al polso, come è vestita la loro ragazza, eppure è stranissimo — pensa Virginia, – Sono molto egocentrici, pensano che a loro tutto sia permesso, e non si interessano degli altri”.

“Il ragazzo russo è alto, forte, ha un grande viso, ed è sempre alla ricerca di dove e con chi ubriacarsi, giusto? – chiede Lucy, l’inglese che vive a Cannes. – In generale, io personalmente non conosco nessun uomo russo, perché loro sono i primi a non presentarsi”.

Fonte: gazeta.ru  Tradotto dalle studentesse del Master ELEO Giada Gavasso, Elena Martinolli e Ludovica Platino

Potrebbe interessarti

Master ELEO

Il Master di primo livello in Economia e Lingue dell’Europa Orientale / ELEO è un progetto di formazione manageriale dell’Università Ca' Foscari Venezia – Ca’ Foscari Challenge School, rivolto esclusivamente  a laureati con conoscenza certificata della lingua russa. L'obiettivo è formare esperti in relazioni economiche con la Russia, con i principali Paesi dell'Europa Orientale e dell'area eurasiatica, quali Kazakistan e Azerbaigian. Il Master ELEO intende rispondere alle esigenze del mondo imprenditoriale e istituzionale con un programma didattico in grado di integrare qualificate competenze linguistiche e culturali con conoscenze economiche, commerciali e di marketing internazionale.