Ol’ga Ljubimova, pronipote del grande attore Kačalov, eletta ministra della cultura

Ol’ga Ljubimova, pronipote del grande attore Kačalov, eletta ministra della cultura. “Proviene da una famiglia di intellettuali russi”

Vladimir Putin su indicazione del premier Mišustin ha nominato un nuovo ministro della cultura. Ol’ga Ljubimova ha sostituito Vladimir Medinskij. È l’erede di una famiglia di russi insigni, i cui rappresentanti ciascuno nel proprio campo hanno dato lustro alla Russia. Cominciamo dal principio: il suo bisnonno materno non è altri che il grande attore russo del teatro dell’arte Vasilij Ivanovič Kačalov (nato Šverubovič); il nonno, Vadim Šverubovič, personalità del mondo del teatro, era a capo della produzione del MChAT, il Teatro dell’arte di Mosca, ed era molto apprezzato da Stanislavskij e Nemirovič-Dančenko.

Un fatto interessante su di lui è che ai tempi della seconda guerra mondiale, quando era impiegato presso il Teatro, Vadim Šverubovič aveva un sostituto, ma non ne approfittò, invece si arruolò volontariamente, sopravvivendo per miracolo. Sua figlia Marija Šverubovič, madre della nuova ministra della cultura, era un’attrice: lavorò al Teatro Contemporaneo di Mosca, alla radio, a Mosca la amavano in quanto persona intelligente e cordiale e hanno pianto la sua morte prematura nel 2018, subito dopo la nomina della figlia a una carica in politica.

Anche la linea paterna è composta da persone eminenti – i nonni sono famosi traduttori, Nikolaj Ljubimov ha tradotto praticamente tutti i classici della letteratura francese e spagnola. Infine, il padre del principale ente culturale – Boris Ljubimov – è un famoso studioso del teatro e insegnante, rettore dell’Istituto teatrale superiore “šepkin”, e inoltre è titolare della cattedra di storia del teatro al GITIS, l’Università russa di arti teatrali. Al teatro Malij è il vicedirettore di Jurij Solomin. Perciò bisogna riconoscere che per la prima volta nella poltrona da ministro siede una figura con una parentela di enorme spessore culturale. E ciò infonde una grande speranza nel fatto che il Ministero diventi finalmente una vera istituzione culturale, con professionisti di alta statura, e non figure casuali, capitate lì perché membri di un partito o per qualche altra affiliazione.

La stessa Ol’ga Ljubimova si è laureata alla facoltà di teatro del GITIS. La sua carriera è cominciata in televisione: dall’inizio degli anni 2000 è stata una corrispondente del Terzo canale e del programma “Ortodoks” sul canale TVC, è stata la conduttrice dei programmi “Moskva-2009”, “Gorod i ljudi” sul canale “Stolica”. Dal 2010 al 2011 ha condotto il programma di informazione e analisi “Kontekst” sul canale “Kul’tura”. La Ljubimova è inoltre autore di più di 80 documentari.

Si è trovata per la prima volta al Ministero della Cultura nel 2015, quando diventò consigliere del Dipartimento di cinematografia, tuttavia presto passò al Primo canale come vicedirettrice della direzione dei programmi sociali e pubblicitari. Tornò al Ministero nel 2018, quando è stata nominata direttrice ad interim del dipartimento di cinematografia.

Il fatto stesso della sua nomina a ministra può rivelare il fatto che il cinema è la più importante tra le arti che abbiamo ancora, o in ogni caso la sua potente componente materiale. Nikita Michalkov è un’importante figura nella sua biografia: è vicino dei Ljubimov sul monte Nikolina, sono amici di famiglia da decenni e Nikita Sergeevič ha battezzato Ol’ga Borisovna quando era bambina.

È democratica e attenta, una persona di nuova formazione, un’utente attiva dei social network. Ancora non ha macchie nel suo curriculum e si è inserita velocemente nel corso delle cose, ha compreso le particolarità del cinema e in qualche modo ha trovato il modo di far andare d’accordo Vladimir Medinskij e quei registi che non riuscivano ad accettare le sue azioni. In ogni caso, trovandosi in una carica di responsabilità non ha causato danno a nessuno.

 

FONTE: mk.ru , 21/01/2020 – Traduzione di Irene Iorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.