Le autorità di Mosca discutono sul miglioramento dell’ecologia in città. Ma forse non è proprio così.

Il 4 luglio Sergej Sobjanin è intervenuto al Forum urbano moscovita con una dichiarazione su di un significativo miglioramento dell’ambiente ecologico in città.

Secondo le parole del sindaco, il cambiamento della politica dei trasporti ha permesso di ridurre di più del doppio la concentrazione di emissioni nocive nell’atmosfera.

Sergej Sobjanin – Sindaco di Mosca

“Il comportamento e la politica dei trasporti incidono direttamente sull’ecologia delle grandi città. Ed i divieti, che sono stati introdotti a livello locale e federale sulla classe ecologica di benzina, motore, hanno avuto il loro impatto. A Mosca essi sono stati introdotti anche prima, rispetto alle norme federali. Oggi la qualità delle auto sta cambiando rapidamente. La città dà l’esempio di quanto sia cambiato il parco auto in pochi anni, rendendolo il più giovane in Europa e il più ecologico. Successivamente ci sono stati dei cambiamenti sia del trasporto merci sia del trasporto personale. Di conseguenza, la quantità di concentrazione di emissioni nocive nell’atmosfera è diminuita di due o più volte, e questo letteralmente in pochi anni”.

Il capo del dipartimento per la gestione ambientale di Mosca Anton Kul’bačevskij ha dichiarato che l’habitat degli animali selvatici è diventato favorevole e ciò è dimostrato dal massiccio afflusso di volpi e procioni a Mosca.

Anton Kul’bačevskij – Capo del dipartimento metropolitano per la gestione ambientale (citazione da Ria Novosti)

“L’ultima tendenza è che ora in città abbiamo un afflusso di animali dalla regione di Mosca e dai distretti di Troickij e Novomoskovskij. Si tratta di procioni e volpi. Ciò suggerisce che l’ambiente è diventato più favorevole. <…> Stiamo scoprendo nuove specie, se ne sono praticamente aggiunte 118. Per la prima volta vengono osservate nel territorio della città, e ciò significa che il mondo animale – flora e fauna – si sta espandendo”.

“Afiša Daily” ha parlato con degli ambientalisti indipendenti di Greenpeace Russia ed è venuta a sapere come stanno le cose.

Potrebbe migliorare la qualità dell’aria a Mosca?
Ivan Blokov – Direttore del dipartimento programmi, ricerche e analisi di Greenpeace Russia

“Secondo singoli indicatori di condizione ambientale, effettivamente c’è un miglioramento; per altri invece si osserva un peggioramento. Per esempio, il benzopirene (in particolare quello emesso dalle automobili durante la combustione di carburante) è diminuito nell’aria moscovita, ma le emissioni di formaldeide (in particolare si rileva nella produzione di lacche, vernici e cosmetici) e del diossido d’azoto (specialmente presente negli impianti chimici) sono cresciute negli ultimi anni.

Inoltre, se consideriamo il rapporto ufficiale della città di Mosca sulle condizioni dell’ambiente del 2017 («Afiša Daily» ha richiesto un rapporto aggiornato, ma nel dipartimento hanno risposto che “sarà pubblicato presto”), allora vedrete che da noi va tutto bene. Ma se si guarda il documento rilasciato dal Roshydromet (il servizio federale di idrometeorologia e monitoraggio ambientale della Russia, NdT), si scopre che lo scenario è completamente opposto. Di loro mi fido un po’ di più poiché non sono responsabili della qualità dell’ambiente, ma solo della qualità delle misurazioni.

I dati provenienti da diverse strutture spesso discordano tra loro; questo è un grosso problema e delle informazioni dettagliate sulle osservazioni di Rospotrebnadzor (il servizio federale per la sorveglianza della protezione dei diritti dei consumatori e del benessere umano) non sono semplicemente disponibili. Non sappiamo esattamente come si ottengono queste informazioni. Quindi, lo scorso autunno, le stazioni di Mosekomonitoring hanno registrato eccessi della concentrazione massima consentita di acido solfidrico, ma Rospotrebnadzor, per qualche motivo, non ha riscontrato questo aumento.

Abbiamo problemi con le emissioni delle auto: a volte la qualità del carburante non soddisfa i requisiti fisici e chimici; ma cosa più importante, le emissioni delle auto in condizioni operative reali potrebbero non corrispondere alla loro classe ambientale. Pertanto, è estremamente difficile determinare la quantità esatta di emissioni, io non rischierei di farlo. Ho un grande dubbio quando le autorità cittadine rilasciano dichiarazioni sulla riduzione della massa totale delle emissioni di sostanze inquinanti delle automobili.

Un aumento della concentrazione di formaldeide e biossido di azoto è anche associato ad arresti illegali a causa dell’iniezione di AdBlue nelle automobili. Esso riduce significativamente le emissioni diesel: il reagente viene iniettato nel tubo di scarico e, a seguito della reazione, le sostanze nocive vengono convertite in azoto e vapore acqueo. Poiché spesso non c’è alcun controllo, queste iniezioni spesso si arrestano.

Si può dire molto altro sui fiumi e sull’inquinamento radioattivo, vi è la questione dei rifiuti urbani – il loro volume cresce ogni anno. E questi fattori hanno anche un enorme impatto sull’inquinamento ambientale. La concentrazione di benzopirene nell’aria si è davvero ridotta. Dal 2014 è stata osservata questa tendenza nella maggior parte delle città del paese; ciò va in parallelo con il miglioramento della qualità del carburante. Ma è una questione di interpretazione. Si può dire che, riducendo le emissioni di benzopirene nell’atmosfera, le condizioni ambientali di Mosca sono migliorate? Si e no, come per molte altre sostanze non ci sono miglioramenti”.

Potrebbero arrivare nuovi animali a Mosca?
Michail Krejndlin – Esperto di aree naturali protette Greenpeace della Russia

“Non credo, che l’ambiente stia diventando più favorevole agli animali: la pressione sulla natura di Mosca è in costante aumento. Si associa poi ad uno sviluppo edilizio continuo ai margini delle foreste. In ogni caso l’edificazione attorno aumenta l’isolamento di questi agglomerati.

La citazione di Kul’bačevskij è piuttosto strana, perché i quartieri di Troickij e Novomoskovskij sono Mosca e non provincia. È sottinteso, che la migrazione passa attraverso la tangenziale e questo è fisicamente impossibile, poiché l’Anello (così viene definita la tangenziale che cinge Mosca, NdT.) rappresenta per le volpi e i procioni un ostacolo insormontabile. Lo stesso parco Bitcevskij e l’isola Losinyj ancora separati da questa strada. Non ci sono passaggi per gli animali.

Pertanto, non riesco ad immaginare da dove questi animali possano arrivare a Mosca. Forse c’è stato un aumento del numero di animali, che già abitano a Mosca. Ma è piuttosto una sorta di oscillazione ciclica – è un normale fenomeno naturale: il numero di animali in natura può variare a causa di cause naturali. Ma non credo in qualche migrazione di animali dall’esterno.

Questo non ha di certo a che fare con il miglioramento dell’habitat, perché l’ambiente sta solo peggiorando. A Mosca il numero di macchine è in aumento, la qualità dell’aria peggiora e, naturalmente, la frammentazione delle foreste continua attivamente. Nella stessa isola di Losinyj, grandi aree saranno disboscate. Il numero di persone che camminano nella foresta aumenta, ciò è anche un onere ricreativo per la natura”.

Tradotto dalle studentesse del Master ELEO Alice Libralesso, Chiara Carrer e Elena Spigolon:

Fonte: daily.afisha.ru

Master ELEO

Il Master di primo livello in Economia e Lingue dell’Europa Orientale / ELEO è un progetto di formazione manageriale dell’Università Ca' Foscari Venezia – Ca’ Foscari Challenge School, rivolto esclusivamente  a laureati con conoscenza certificata della lingua russa. L'obiettivo è formare esperti in relazioni economiche con la Russia, con i principali Paesi dell'Europa Orientale e dell'area eurasiatica, quali Kazakistan e Azerbaigian. Il Master ELEO intende rispondere alle esigenze del mondo imprenditoriale e istituzionale con un programma didattico in grado di integrare qualificate competenze linguistiche e culturali con conoscenze economiche, commerciali e di marketing internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.