Yandex compie 20 anni! 20 curiosità sull’azienda

Il 23 settembre 1997 venne lanciato il motore di ricerca Yandex.ru. Questo avvenne 20 anni fa e ora, oltre alla ricerca, “Yandex” sta sviluppando decine di altri progetti. In onore del ventesimo anniversario di “Yandex”, abbiamo raccolto 20 curiosità sull’azienda.

team yandex

Yandex fu avviato da due persone: Il’ja Segalovič e Arkadij Volož. Proprio loro inventarono la parola “Yandex”, che significa “Yet ANother inDEXer” (ovvero “un altro indicizzatore”). “Ya” è stata poi sostituita con la lettera russa “Я” per sottolineare l’origine russa del marchio.

La base del sito yandex.ru era il programma Yandex, creato nel 1993 per la ricerca di dati sul disco rigido.

L’intero “Runet” (l’internet russo) fu indicizzato da “Yandex” nel 1997 utilizzando tre hard disk da 1GB. In esso furono conservati dati provenienti da circa 5.000 siti. Il costo dei rischi rigidi era pari a 1.000 dollari.

La prima versione del sito web di Yandex appariva così:

yandex prima pagina web

Inizialmente, yandex.ru era di proprietà di CompTek, azienda che si occupava della vendita di computer e creava workstation per le imprese. Nel 2000 venne istituita un’entità giuridica autonoma per Yandex.

Yandex non è stato il primo motore di ricerca in Russia. Nel 1995 apparve “Altavista”, nel 1996 “Rambler” e nel novembre del 1997 venne lanciato “Aport”, annunciato nel febbraio del 1996.

Yandex è il primo sito internet russo ad aver acquistato pubblicità in televisione.

Il’ja Segalovič ha ricoperto la carica di direttore delle tecnologie e dello sviluppo in Yandex. È morto di meningite nel 2013. Arkadij Volož è il direttore generale e il maggior azionista di Yandex, possiede il 10,78% delle azioni e il 47,21% dei voti nel Consiglio di Amministrazione.

Talvolta Yandex acquista altre aziende e, o le integra nei suoi servizi, oppure le lascia lavorare in modo indipendente. Per esempio a “Yandex” appartengono “Kinopoisk”, GIS Technologii, SPB Software e Auto.ru.
Formalmente “Yandex” non è una società russa. La Srl “Yandex” registrata a Mosca, dal 2007 appartiene all’olandese Yandex N.V. In questo caso Yandex conduce l’attività principale in Russia, ma la “registrazione” in Olanda è utile innanzitutto per l’attrazione degli investimenti e per la semplificazione dell’iter di remunerazione degli azionisti.

Nel 2009 Yandex ha venduto per 1€ alla banca “Sberbank” la “golden share”, che dà il diritto di porre il veto alla vendita di più del 25% delle azioni della società. Questa azione non dà diritto di partecipare al Consiglio di Amministrazione, né di prendere decisioni operative, è necessaria solo come garanzia allo Stato del fatto che “Yandex” non passerà nelle mani di investitori che potrebbero nuocere agli interessi del paese.

Yandex è conosciuto innanzitutto come motore di ricerca, tuttavia la società ha sviluppato decine di servizi: posta, mappe, archiviazione cloud, pubblicità contestuale, sistema di pagamento, musica, aggregatore di notizie, aggregatore commerciale, browser, taxi e altri.

Dal 2011 le azioni di Yandex vengono scambiate al NASDAQ. Alla data del 23 settembre 2017 il loro valore è al massimo storico. La maggior parte dei ricavi di Yandex proviene dall’attività pubblicitaria di “Yandex.Direct”. Mentre le restanti attività o non sono redditizie, o ottengono pochi guadagni.

La società ripone grandi speranze nei progetti relativi all’intelligenza artificiale e alle automobili, compresi i taxi.

Nel febbraio 2014 “Yandex” ha rilasciato la shell “Yandex.Kit” per smartphone Android, ma i produttori hanno mostrato scarso interesse al riguardo, e dopo poco più di un anno, il progetto è stato interrotto. A quanto pare, Google ha proibito ai venditori di installare le applicazioni di “Yandex” sullo smartphone. Yandex ha presentato un reclamo al FAS (Servizio Federale Antimonopoli della Russia) e ha vinto: ora i servizi dell’azienda sono preinstallati sugli smartphone di molti marchi, tra cui Samsung.

Dal 2000 Yandex usa lo slogan “Si trova tutto” (in russo “Najdëtsja vsë”). Nel 2017 fu provvisoriamente sostituito da “La ricerca numero 1 in Russia”.

Yandex investe risorse in progetti educativi e organizza corsi e seminari gratuiti per manager, sviluppatori, programmatori, matematici, futuri specialisti della pubblicità e futuri startupper .

Nel settembre 2017, Vladimir Putin ha visitato per la prima volta l’ufficio di Yandex a Mosca.

Gli sono stati mostrati alcuni nuovi progetti: l’assistente vocale “Alice”, l’algoritmo di ricerca “Korolëv” e il prototipo di un’auto senza pilota.

In onore dell’anniversario, Yandex ha caricato con accesso libero il libro “Yandex.Kniga” (in russo kniga vuol dire libro, n.d.t.) sulla storia di Yandex, del giornalista Dmitrij Sokolov-Mitrič.

La società ha anche pubblicato 12 brevi video dedicati ai suoi servizi. In essi, dipendenti e partner di vecchia data di Yandex raccontano dei progetti ai quali stanno lavorando o hanno lavorato.

 

Per guardare tutti i video, puoi cliccare qui sotto sul link dell’articolo originale.

Fonte dell’articolo originale: iguides.ru

Tradotto dalle studentesse del Master ELEO: Gioia Ghezzo – Chiara Fabrizi – Lodovica De Favari

Master ELEO

Il Master di primo livello in Economia e Lingue dell’Europa Orientale / ELEO è un progetto di formazione manageriale dell’Università Ca' Foscari Venezia – Ca’ Foscari Challenge School, rivolto esclusivamente  a laureati con conoscenza certificata della lingua russa. L'obiettivo è formare esperti in relazioni economiche con la Russia, con i principali Paesi dell'Europa Orientale e dell'area eurasiatica, quali Kazakistan e Azerbaigian. Il Master ELEO intende rispondere alle esigenze del mondo imprenditoriale e istituzionale con un programma didattico in grado di integrare qualificate competenze linguistiche e culturali con conoscenze economiche, commerciali e di marketing internazionale.