Le Antiche Unità di Misura Russe nei Proverbi e nei Modi di Dire

AVVERTENZA – Nota dell’autore   
Molte traduzioni di quest’articolo, se non specificato diversamente in nota, sono mie; non sono un traduttore professionista, quindi perdonate le eventuali inesattezze e imprecisioni; suggerimenti e correzioni sono sempre benvenuti. Per tradurre i proverbi e i modi di dire ho cercato di  affiancare alla traduzione letterale un criterio interpretativo e di significato, rapportandoli alla nostra lingua in uso.   


In questo articolo vi presenterò alcuni dei proverbi e modi di dire russi in cui appaiono delle antiche unità di misura. Molte di queste espressioni sono usate tutt’oggi, altre potrebbero aver cambiato forma o perso il loro significato originario restando relegate esclusivamente alla memoria cartacea, alcune invece sono totalmente scomparse e potrebbero risultare incomprensibili persino a un madrelingua.

Для друга семь верст не околица.
Per un amico sette verste non sono mai troppe.

SIGNIFICATO: la versta in questo caso indica una grande distanza, ma ovviamente in un’amicizia vera la distanza fisica non conta. Un amico vero non conta le verste, viene ad aiutarti e basta. Nelle Anime Morte di Gogol’, Nozdrev incontrando Čicikoč gli dice: «Come dice il proverbio? “Per un amico anche sette verste non sembran troppe!”» disse togliendosi il berretto. «Passavo di qua, ho visto la luce alla finestra e ho pensato: dài che faccio un salto, non dorme di certo». Questo proverbio si trova in tanti altri autori, in Guerra e Pace di Tolstoj per esempio, con una piccola variazione, ma il significato non cambia (Для мила дружка семь верст не околица). Un’altra variante simile è “Любовь не верстами меряется”, cioè: l’amore non si misura in verste.

Бешеной собаке семь вёрст не крюк.
Sette verste in più non fanno cambiare idea ad un cane rabbioso.

SIGNIFICATO: si usa ironicamente per riferirsi a uno sforzo eccessivo per raggiungere uno scopo o a una persona molto ambiziosa, un arrivista; in senso figurato può anche indicare una persona sovraeccitata e iperattiva.

Семь пядей во лбу.
Sette pjad’ sulla fronte.

SIGNIFICATO e ORIGINE: se hai “sette pjad’ sulla fronte sei una persona in gamba, molto intelligente, con delle qualità notevoli. Si pensa che l’origine di questo modo di dire derivi dal fatto che quando un ragazzo raggiungeva i sette pjad’ (circa 125 cm) e l’età di circa 8 anni era in grado di badare a se stesso. Si può usare anche al contrario per indicare una persona sciocchina: Не семь пядей во лбу. Questo modo di dire appare in molte opere di scrittori russi, tra cui Puškin, Ostrovskij e Dostoevskij.

Каждый купец на свой аршин меряет/мерить на свой аршин.
Ogni mercante usa il proprio metro (aršin)/giudicare col proprio metro.

SIGNIFICATO e ORIGINE: nei secoli passati, prima che venisse standardizzato ogni mercante misurava una merce usavano il proprio aršin, che era diverso da tutti gli altri, molto spesso per imbrogliare il malcapitato. Oggigiorno indica il mercante di turno che giudica unilateralmente solo secondo le proprie idee, chiaramente di parte e con una visione limitata.

Верста коломенская.
Essere una stanga/uno stangone.

SIGNIFICATO e ORIGINE: letteralmente una “versta di Kolomenskoje”, che è il modo per indicare una persona molto alta. Ad esempio, Aleksej Tolstoj nel suo romanzo storico Pietro I dice dello zar, famoso per la sua altezza: «lui aveva già fatto 15 anni e voleva competere con la versta di Kolomenskoje». L’origine di questa espressione è proprio da ricercarsi nel padre di Pietro il Grande, lo zar Aleksej Michajlovič e in un curioso episodio. Si racconta che lo zar fece mettere dei pali su tutte le maggiori strade del regno con lo scopo di non far smarrire i viaggiatori, molti di loro perdevano l’orientamento per le pesanti nevicate. A quanto pare, il palo (o pali) più alto in assoluto lo zar li fece piantare lungo la strada che dal Cremlino portava al villaggio di Kolomenskoje, sua residenza estiva. Non ci teneva proprio a rischiare di perdersi!

Косая сажень в плечах.
Essere un Maciste/Ercole/fusto/armadio.

SIGNIFICATO e ORIGINE: questo modo di dire significa testualmente “avere un sažen’ obliquo sulle spalle”, e indica una persona forte, solida, con le spalle larghe. Il sažen’ obliquo era un’unità di misura pari a 2,5 m, ed era la distanza che andava dalla mano estesa in alto fino all’alluce del piede opposto.

Проглотить аршин.
Ingoiare un aršin.

SIGNIFICATO e ORIGINE: può significare rimanere impalato, essere molto teso per una situazione in cui non si è a proprio agio; oppure può indicare una persona arrogante, così sicura di sé da camminare ritto come palo, un gradasso.

От горшка два вершка.
Alto come un soldo di cacio, essere un tappo.

SIGNIFICATO e ORIGINE: letteralmente significa “due veršok dalla pentola”, due veršok sono circa 9cm. Si usa in genere affettuosamente per riferirsi a un bambino piccolo, ma anche a una persona particolarmente bassa.

Семь верст до небес (и все лесом).
Essere logorroico/promettere mari e monti.

SIGNIFICATO e ORIGINE: questo modo di dire, letteralmente “sette verste al paradiso”, ha diversi significati. Quello principale si riferisce a qualcuno che straparla e si dilunga troppo senza arrivare mai al nocciolo o anche un promettitore seriale. Scherzosamente può anche essere usato per riferirsi a un luogo o a un’azione che presuppongono una strada lunga e faticosa.

Пуд соли съесть (с кем).
Essere amici per la pelle/pappa e ciccia. Conoscere qualcuno a fondo.

SIGNIFICATO e ORIGINE: “abbiamo mangiato un pud di sale”, mangiare 16 chili di sale non è una cosa semplice, lo si può fare solo con qualcuno che si conosce molto bene con cui si è trascorso molto tempo, con una persona con cui si sono passate mille avventure o difficoltà insieme.

Мал золотник, да дорог.
Una merce cara, ma utile. Piccolo, ma di valore.

SIGNIFICATO e ORIGINE: il zolotnik era un’unità di misura molto piccola (circa 4 grammi) usata per pesare metalli preziosi come oro e argento. Da qui è derivato il significato di qualcosa che a prima vista può sembrare insignificante, ma in realtà è di alto valore; si può utilizzare anche riferendosi alle persone.

Узнать, почём фунт лиха.
Soffrire le pene dell’inferno.

SIGNIFICATO e ORIGINE: letteralmente “imparare quanto costa una libbra di male”. Indica una persona che sta affrontando sulla propria pelle molte prove dolorose, e non vede ancora una via d’uscita.

 SI SPIEGANO DA SOLI

Москва верстой далека, а сердцу рядом.  
Mosca è lontana verste, ma vicina al cuore.   
In questo modo molti russi esprimono il loro rapporto con la capitale.

Слышно за версту (Slyšno za versty). 
Che si sente da una versta, da lontano. Rumoroso.

 Сто пудов (sto pudov).     
Sicurissimo, sicuro al 100%.   
Letteralmente “cento pud”, anche usato come sinonimo di “moltissimo, un sacco”.

На вершок от.
A un passo da.
Letteralmente “A un veršok da”. Esempio: На вершок от гибели, a un passo dalla morte.

Не уступить ни пяди.
Non concedere nulla.
Letteralmente “Non concedere nemmeno un pjad’.

Один, как перст.
Solo come un cane.
Letteralmente “solo come un perst”, cioè un dito.

Видеть на три аршина в землю.
Uno che non si fa scappare nulla.
Una persona che “vede tre aršin per terra” è molto perspicace e attenta.

У неё суббота через пятницу на два вершка вылезла.
Quest’ultimo proverbio è molto specifico e un po’ sessista, indica una donna che ha la camicia da notte più lunga della sottana, praticamente una donna poco curata.

 

Leggi ancheLE ANTICHE UNITÀ DI MISURA RUSSE

Leggi anche LE ANTICHE UNITÀ DI MISURA RUSSE NELLA LETTERATURA

 

FONTI:  http://originalbook.ru/ –  www.ristretti.it/ – https://phraseology.academic.ruhttp://fraze.ruhttps://dslov.ru/

Massimiliano Macrì

Nato tra due mari, nel punto più ad est d’Italia, dalle parti di Lecce. Ho studiato prima letteratura e poi traduzione russa e inglese presso l’Università del Salento. Nel mezzo ho vissuto a Vilnius, Mosca, Kiev, Berlino, Bruxelles ed ora a Londra. Eclettico e poliedrico, sono appassionato di fotografia, viaggi, arte, letteratura e opera, gioco a rugby da amatore. Se amo tutto ciò che riguarda la Russia lo devo anche a mio nonno che quando aveva 80 anni (adesso ne ha 96) ha cominciato a studiare il russo dopo aver passato la sua vita in mare.