Traduttori



Marcello De Giorgi Marcello De Giorgi

Nel giugno 2015 ho creato Russia in Translation con lo scopo di fornire traduzioni in lingua italiana di articoli dalla stampa russa. Informazione senza filtri per costruirsi una propria opinione.

Antonino Santoro

Nato a Siracusa nel 1987 vivo da diversi anni a Firenze. Mi sono laureato in Lingue straniere (russo e arabo) presso l’Università degli Studi di Firenze e poi in Cooperazione allo Sviluppo presso la SSLMIT di Trieste. Sono interessato alla stampa russa che conosco bene grazie ad uno stage come traduttore all’Ambasciata italiana a Mosca e al Medio Oriente in primis la Siria paese dove ho vissuto e studiato per brevi periodi. Da poco più di un anno sono un volontario di Croce Rossa (a Firenze, in Sicilia e anche in Inghilterra per la British Red Cross) e mi occupo principalmente di interpretazione, sociale e soprattutto d’immigrazione e mediazione culturale.

Nata a Nocera Inferiore nel 1985, ho studiato Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Salerno e la University of Kent at Canterbury, dove ho conseguito un Master in Relazioni Internazionali. Dopo diverse esperienze didattiche tra Inghilterra, Italia e Germania, nel 2012 mi sono trasferita a Mosca per continuare a insegnare le lingue e lanciarmi verso nuove avventure. Mi piace il teatro, scrivere, tradurre ed esplorare nuovi mondi. Racconto la Russia dal mio piccolo punto di vista nel blog Russaliana.me.
 

Foto profilo Simona Fonti Simona Fonti

Nata nel 1992 a Torino, da sempre appassionata di lingue, culture orientali e relazioni internazionali. Ho conseguito una laurea in Scienze della Mediazione Linguistica a Torino con una tesi sul genere poetico haiku nella poesia russa contemporanea. In seguito ho ottenuto l’Attestato di Alta Qualificazione presso la Scuola di Studi Superiori Ferdinando Rossi dell’Università di Torino. A breve mi iscriverò alla laurea magistrale in Interpretariato e Traduzione presso l’Università degli studi internazionali di Roma. La passione per la cultura russa nasce per caso, si sviluppa negli studi e si intensifica durante un viaggio nella Siberia meridionale in qualità di ambasciatrice della cultura italiana per AIESEC.

292013_2097953011817_200351230_n

Emanuela Raga

Nata nel 1989 a Sassari, da sempre appassionata di lingue e culture straniere, sono laureata in Lingue culture e cooperazione internazionale presso l’Università degli studi di Sassari con una tesi sul rapporto tra censura e letteratura durante il regno di Nicola I. Mi sono avvicinata al russo attraverso la letteratura che ha stimolato la mia curiosità verso il mondo slavo in tutte le sue sfaccettature. Ho avuto esperienze di studio e di lavoro in Inghilterra, Bulgaria e Russia. Sono stata un’assistente di italiano per stranieri presso l’Istituto Derzhavin a San Pietroburgo. Studio per ottenere la certificazione DITALS. Parlo inglese, russo e spagnolo.

Francesco Iovenitti

Nato a Cosenza nel 1989, ho conseguito la Laurea triennale in Mediazione linguistico-culturale e poi la Laurea Magistrale in Scienze linguistiche, letterarie e della traduzione all’Università La Sapienza di Roma. Studio e parlo inglese e russo. Mi sono recato due volte in Russia nel 2010 e nel 2012 per perfezionare la lingua e una terza volta nel 2013, quando ho vinto una borsa di studio del MIUR per lavorare come assistente di lingua italiana a San Pietroburgo. Mi piace il cinema, la traduzione e mi interesso anche di politica internazionale.

Foto_Diana Loreti

Diana Loreti

Nata ad Ancona nel 1991, ho deciso di studiare il russo dopo una gita scolastica a San Pietroburgo l’ultimo anno di liceo. Ho conseguito la laurea triennale in Lingue e letterature straniere moderne a Bologna e la laurea magistrale in Traduzione specializzata a Forlì, con una tesi in traduzione editoriale. Ho frequentato, nel 2012, l’Università di Kursk e nel 2014, grazie a una borsa di studio erogata dal MIUR, l’Università statale di San Pietroburgo, dove ho anche collaborato come insegnante di lingua italiana agli studenti russi. Amo la lingua e la cultura russe e sono appassionata di letteratura.

Cattura

Chiara Pavan

24 anni, originaria di Lecco. Sto concludendo i miei studi in Traduzione specialistica alla SSLMIT di Trieste con combinazione linguistica Tedesco-Russo, ma ho già avuto diverse esperienze lavorative nell’ambito. Coltivo un grande interesse per la storia, la politica e la cultura russa, in particolare quella sovietica sulla quale ho incentrato anche la mia tesi di laurea triennale (traduzione e analisi di articoli cinematografici inerenti al cinema sovietico). I viaggi, il cinema e la cucina sono le mie più grandi passioni. Parlo inglese, tedesco, russo e spagnolo.

Foto Carla-2(1)

Carla Scanzani

La Laurea in Lingue è stato il mio trampolino di lancio verso San Pietroburgo, dove mi sono trasferita per frequentare un Master di due anni in lingua e filologia russa e insegnare italiano all’Università. La passione per le lingue ha amplificato il desiderio di viaggiare per conoscere altri paesi e altre culture. Ho quindi iniziato a lavorare come tour leader in Russia e nelle repubbliche dell’ex Unione Sovietica, in Nord Africa, in Medio Oriente e ad avventurarmi in viaggi fai da te in Transiberiana e nel Caucaso. Oggi come ieri trasformo le mie passioni in un lavoro: Traduco per creare comunicazione e incoraggiare alla conoscenza e alla comprensione”.

received_1303028469724525

Alessia Bianco

Nata a Roma nel 1988, ho conseguito la Laurea Triennale in Lingue e culture del mondo moderno e successivamente la Laurea Magistrale in Scienze linguistiche, letterarie e della traduzione presso l’Università di Roma La Sapienza. Nel 2010 e nel 2012 ho studiato, per la durata di un semestre, all’Università Statale di Mosca, dove ho svolto anche un tirocinio come insegnante di lingua italiana. Nella tesi ho affrontato la questione della ženskaja proza (letteratura femminile) in Russia offrendo una traduzione inedita di Pikovaja Dama, racconto della scrittrice contemporanea Ljudmila Ulickaja. Dopo la laurea ho conseguito la certificazione DITALS per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri. Amo la cultura russa e mi affascina l’idea di offrire ai lettori italiani uno sguardo più attento sul mondo russo.

massimiliano-macri

Massimiliano Macrì

Nato tra due mari, dalle parti di Lecce, nel punto più ad est d’Italia, più vicino alla Grecia che a tutto il resto dello stivale in un sole troppo forte da sopportare. Ho studiato prima letteratura russa e inglese poi traduzione presso l’Università del Salento. Nel mezzo ho viaggiato per mezza Europa e vissuto a Vilnius, Mosca, Kiev e Berlino, ho fatto il volontario per ESN e parecchi scambi interculturali. Se amo tutto ciò che riguarda la Russia lo devo anche a mio nonno che quando aveva 80 anni (ora ne ha 93) ha ricominciato a studiare il russo dopo aver passato la sua vita sulle navi. Appassionato di fotografia, viaggi, arte, letteratura e opera, gioco a rugby a livello amatoriale. Al momento vivo a Bruxelles, più per amore che per scelta, ma il mio sogno, è di spingermi ancora più a est: a Vladivostok!

019

Graziella Portia

Ho studiato tedesco e russo a La Sapienza, laureandomi in Mediazione linguistica e interculturale con la traduzione di un documentario sul fenomeno della kommunalka. Il mio sopito spirito nomade si è destato grazie a un Erasmus sul Lago di Costanza, cinque mesi all’MGU di Mosca, e un viaggio in Transiberiana attraverso la steppa russa fino al profondo Lago Bajkal, il mare degli sciamani. Poi, dopo aver visto le notti bianche, sono voluta tornare a San Pietroburgo d’inverno per camminare sulla Neva ghiacciata e vedere il Golfo di Finlandia. Ora le mie radici calabresi, nonostante sia nata a Tivoli, mi hanno spinta un po’ più a Sud: studio Management del Patrimonio culturale alla Federico II di Napoli. Cosa c’entra con la Russia? La profondità e la sincerità dell’animo russo e la vivacità culturale di San Pietroburgo, oltre a uno stage al FAI di Roma, mi hanno convinta a conciliare lingue, culture, tradizioni e valorizzazione del patrimonio. Fine ultimo? Mediazione tra popoli.

 Alessandro Lazzari

Sono nato nel 1993 in provincia di Treviso. Nel 2015 mi sono laureato in Lingue, civiltà e scienze del linguaggio presso l’università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi sulla crisi dei missili di Cuba analizzata dal punto di vista sovietico dell’epoca. Nei tre anni a Venezia ho studiato tedesco e russo. Dopo l’esperienza di un semestre all’Università Pedagogica di Tula, ho deciso di tornare in Russia a proseguire i miei studi. Attualmente sono studente magistrale presso l’Università Statale di Mosca per le Relazioni Internazionali (MGIMO). Nel tempo libero insegno italiano a ragazzi russi. Sono appassionato di storia sovietica e traduco volentieri articoli di politica ed economia.

Beatrice Zadro

Nata nel 1995 a Reggio Emilia, sono laureanda al corso di Lingue,Civiltà e Scienze del Linguaggio dell’università Ca’ Foscari di Venezia. Da sempre appassionata di lingue, ho intrapreso lo studio del russo per curiosità verso una realtà così vicina ma contemporaneamente così lontana. Ho concluso un semestre presso l’università HSE-Higher School of Economics a Mosca, dove ho potuto approfondire la conoscenza della lingua e Relazioni Internazionali oltre che poter vivere nella capitale russa di cui mi sono innamorata. Amo la Russia perché mi sorprende e regala nuovi punti di vista sul mondo. Amo leggere e viaggiare. Parlo inglese e tedesco.

Paolo Zirulia

Nato nel 1975, un po’ milanese e un po’ sardo. Mi piace il mare, leggere, nuotare, le serie tv americane e la cultura russa. Ho studiato russo all’Università Cattolica e non ho mai smesso di essere incuriosito da quel paese e di seguirne le evoluzioni, che a volte mi fanno sperare, altre volte mi fanno arrabbiare. Vivo a Milano.
Studente di lingue e letterature straniere all’Università degli Studi di Salerno. Sono appassionato di politica e relazioni internazionali.
Nata a Cagliari, dove il sole splende 300 giorni l’anno, ha scelto Mosca con i suoi freddi e lunghi inverni come città adottiva. Attualmente insegna italiano presso l’università Higher School of Economics di Mosca, è interprete freelance e coltiva senza sosta le sue passioni per la Russia, i viaggi e la traduzione.
 
Nata a Milano, mi sono laureata in Lingue e Letterature Straniere a Venezia e poi al MIREES (Interdisciplinary Research and Study on Eastern Europe) a Forlì, con una tesi sui film sovietici e post-sovietici sullo stalinismo. Ho studiato in Estonia, Russia e Ucraina, e dopo la laurea sono tornata in Estonia con un progetto SVE sui giovani e il teatro e ho svolto un tirocinio per una ONG estone che si occupa di memoria e diritti umani. Dal 2015 vivo a Tallinn, lavoro come traduttrice e copywriter, e cerco di migliorare il mio estone.
Classe 1993, ho conseguito la laurea in Scienze della Mediazione Linguistica all’Università di Torino con una tesi intitolata ‘Da Cigno bianco ad oca grigia: il matrimonio contadino russo’, inserendomi tra le pochissime fonti italiane sul tema. Attualmente porto avanti lo studio del russo e del tedesco in magistrale. Dopo numerosissimi viaggi in Russia, tra città e campagne, a contatto con quel popolo meraviglioso, ci ho lasciato il cuore. Quel Paese è diventato aria indispensabile per i miei polmoni, ne sono inebriata.
Nato nel 1993 a Varese poi trapiantato in Salento. Ho conseguito una laurea triennale in Mediazione Linguistica all’Università di Bari e ora frequento il corso di laurea specialistica in Lingue per la Comunicazione Internazionale a Torino. Prima di innamorarmi della letteratura e della lingua russa, mi sono innamorato di Anna Karenina, che durante l’ultimo anno di liceo ha occupato un posto fisso sul mio banco.
 
L’Est Europa, con la sua cultura e la sua mescolanza di lingue e popolazioni, è il mio interesse principale. Tutto è iniziato con una lezione sulla rivoluzione russa in quinto superiore, da lì ho deciso di studiare questa magnifica e tremenda lingua prima all’università di Urbino, poi a Bologna. Ho migliorato le mie competenze con un soggiorno a Mosca, ho svolto un volontariato in Lituania e da lì mi sono lanciata in un viaggio alla scoperta dei paesi slavi, ho vissuto 5 mesi a Varsavia dove ho avuto il piacere di studiare il polacco, a breve mi trasferirò a Praga per uno stage. Spero di sfruttare le mie conoscenze per darvi uno sguardo più approfondito sull’est Europa.