A Mosca viene soppressa la Biblioteca “Dante Alighieri”

Fonte: Svoboda.org 15/04/16  Traduzione di Antonino Santoro

L’edificio della biblioteca, aperta da più di 60 anni, verrà concesso al Comitato Investigativo. Non è prevista una nuova collocazione per la biblioteca.

Il Dipartimento della Cultura di Mosca ha deciso di sciogliere la biblioteca “Dante Alighieri” aperta nel 1955. Entro il primo maggio tutti i beni dovranno essere sgomberati dal locale in via Strojtelej e l’edificio verrà concesso al Comitato Investigativo russo.

Non è stata proposta una nuova e decente collocazione per la biblioteca. I suoi beni, nel quale fanno rientrano libri unici anche in lingua straniera, verranno distribuiti tra altre biblioteche.

Come ha spiegato il TASS, nel dipartimento della cultura di Mosca “La questione della soppressione della Biblioteca n°183 “Dante Alighieri non si pone”. I funzionari affermano che i libri verranno collocati in due altre biblioteche. Tuttavia Ljudmila Indyk, direttrice facente funzioni della biblioteca, ha raccontato all’agenzia di stampa che le strutture sono talmente piccole che “non vi è spazio né i per beni, né per le attrezzature né per i mobili”. Oltre a ciò secondo la Indyk dal 1 maggio verranno tagliati 10 dei 17 assistenti della biblioteca.

I bibliotecari hanno mandato una petizione online al Presidente russo e si sono rivolti sia al sindaco di Mosca Sergej Sobjanin sia all’Ambasciata italiana.

 

Antonino Santoro

Traduttore, Collaboratore. Mi sono unito al progetto di RIT per la mia passione verso la traduzione e la lingua russa. antosha87sr@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.