Il bar Zima di Londra

I ristoranti russi a Londra o imitano con successo gli standard internazionali – come ha fatto un paio di volte Michail Zel’man con i suoi “Burger & Lobster”, “Goodman” e Zelman Meats – o hanno ambizioni internazionali, principalmente russe, cinese e arabe, come nel caso del ristorante Novikov, dove gli ordini di costoso champagne sono misurati tutti i giorni in decine di scatole. Oppure nutrono lo stesso tipo di ambizione, ma nell’ambito della diaspora come il “Marivanna”. (Restaurant Mari Vanna. London)

Il bar Zima, aperto a Soho dal cuoco, scrittore e conduttore televisivo Aleksej Zimin, leader con Artem Kravčenko del movimento gastronomico londinese e proprietario del Jean Jacques | French Bistro, ha da un lato dei prodotti assolutamente russi: vodka, caviale e sottaceti, ma dall’altro è un luogo del tutto nello spirito della nuova generazione hipster che, in questi ultimi anni, ha occupato le strade ei vicoli del vivace quartiere di Londra.

Lo Zima è il bar del mondo ideale dell’uomo post-sovietico, nel quale si trovano le conquiste della democrazia, l’idea di alta gastronomia, la qualità di cibo e alcolici e, allo stesso tempo, cibo molto semplice e lineare, cucinato senza una nota di sentimentalismo e di patriottismo. È come se la Russia si fosse evoluta naturalmente con il resto del mondo che non conosceva nel XX secolo, senza alcuno shock, oltre quello estetico.

Il breve menù contiene le principali specialità: dalle capesante di Sachalin ai pesci rossi del Nord, dallo storione alla carne di cervo, dalle aringhe all’olio di fegato di merluzzo. Presentati nello spirito dei moderni tapas bar, sapori classici con un leggero tocco contemporaneo. In questo cibo si può trovare, naturalmente, anche un sapore di nostalgia, ed è possibile anche senza sapere cosa sta dietro la combinazione “insalata” e “Oliv’ie”. È possibile mangiare questi piatti sia con le lacrime di felicità che senza, dato che le lacrime tendono ad asciugarsi dopo un paio di bicchieri dei liquori locali di olivello spinoso o fragole con basilico.

Lo ZIMA bar di Londra

Fonte: Kommersant 20/04/2016. Traduzione di Marcello De Giorgi

Marcello De Giorgi

Nel giugno 2015 ho creato Russia in Translation con lo scopo di fornire traduzioni in lingua italiana di articoli dalla stampa russa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.