Le cose più interessanti del discorso di Vladimir Putin

Il discorso del presidente russo Vladimir Putin del 21 aprile all’Assemblea federale è durato 1 ora e 18 minuti. Putin ha parlato della lotta al coronavirus, dello sviluppo economico-sociale in Russia e delle nuove agevolazioni per i cittadini. In ultimo ha toccato anche questioni legate alla sicurezza, paragonando la Russia “che resiste” con Shere Khan, «intorno al quale ruotano tutti gli altri Tabaqui ». Il giornale Vedomosti ha raccolto le citazioni principali dell’intervento di Putin.

 

Pandemia coronavirus  e lotta alle sue conseguenze

«Noi siamo entrati in contatto con l’epidemia proprio quando l’uno sull’altro si sovrapponevano le conseguenze dell’impatto demografico degli anni ‘90 e ‘40 del secolo scorso. Capiamo che oggi la situazione demografica è ancora più particolare. Purtroppo, è così. Bisogna riconoscerlo, constatarlo, tenerlo presente e agire, partendo proprio da questa situazione.

La nostra strategia è quella di riuscire nuovamente ad avere una crescita costante della popolazione, raggiungere in Russia entro il 2030 una durata media di vita di 78 anni.

Di centrale importanza adesso è la vaccinazione. Chiedo al governo, al Ministero della salute e ai governatori regionali di tutto lo Stato di occuparsi di queste questioni. Ovunque deve esserci la possibilità di ricevere il vaccino, al fine di raggiungere in autunno la cosiddetta immunità di gregge.

Dobbiamo essere uno scudo forte e sicuro nell’ambito sanitario e della biosicurezza. <…> E per fare ciò occorre utilizzare al massimo le attrezzature e le risorse nazionali russe. Quando compaiono virus così pericolosi come il coronavirus, o addirittura peggiori, Dio ce ne liberi, la Russia deve essere pronta per i giorni bui e proprio nei giorni bui deve elaborare propri test di sistema e, nel più breve tempo possibile, creare un efficiente vaccino nazionale e cominciare la sua produzione di massa. <…> Il periodo stimato per il raggiungimento di questi obbiettivi è intorno al 2030.

Chiedo al governo e al Ministero della salute in maniera congiunta con i membri della Federazione, di ampliare i programmi di check-up e gli esami preventivi da attuare a pieno regime dal 1 luglio di quest’anno per tutte le fasce d’età, tenendo conto della situazione epidemiologica corrente. È importante raggiungere la massima copertura. Per questo già in breve tempo incrementeremo la consegna alle regioni di unità mobili medico-diagnostiche».

L’andamento del turismo

«Per fare in modo che quante più persone possibili possano prendersi cura della propria salute nei centri benessere e nei resort, propongo in misura minore fino alla fine dell’anno di prorogare il programma che prevede il rimborso del 20% sulle spese turistiche per i treni in Russia.

Dobbiamo prestare particolare attenzione alla salute dei nostri figli. Perché in una prospettiva a lungo termine, è proprio durante l’infanzia che si pongono le basi della propria salute. Le vacanze per i bambini devono essere accessibili al massimo. Sulla base di ciò propongo di rimborsare la metà delle spese di viaggio dei bambini per i campi estivi.

Serve incoraggiare i giovani che hanno dato prova di sé alle olimpiadi, nelle iniziative artistiche, nelle attività di volontariato e nei progetti della piattaforma “Russia : il paese delle opportunità”. Per quei ragazzi è previsto un programma di rimborso parziale dei mezzi per soggiorni turistici, con un voucher da usare nel periodo delle vacanze, nei giorni di vacanza e nel cosiddetto periodo di alta stagione. Fino a questo momento non avevamo mai preso decisioni simili».

Il sostegno sociale dei cittadini

«Nel 2022, noi dobbiamo introdurre i principi del “tesoro sociale”. Questo vuol dire che tutti i sussidi federali, le pensioni, gli altri aiuti sociali e servizi saranno riorganizzati e versati in un sistema a “finestra unica”, senza bisogno di fare corse per le istanze, ma per il semplice motivo di volere costruire una famiglia, di avere dei figli, di andare in pensione e per altre situazioni della vita. Già in tre anni gran parte dei servizi statali e municipali dovranno essere forniti ai cittadini russi a distanza e 24h su 24 al giorno.

In maniera separata, invece, devono essere sostenute quelle famiglie composte da un solo genitore. <…> Per questo  dal 1 luglio di quest’anno i bambini tra gli 8 e i 16 anni compresi, cresciuti nelle suddette famiglie, riceveranno un determinato sostegno economico, che ammonta, nella media del paese, a 5650 rubli al mese (circa 62 euro).

Propongo di prevedere per le donne che si trovano nel primo periodo di gravidanza e che si trovano in situazioni economiche difficili, un sussidio mensile. Nella media del paese l’ammontare di questo sussidio è di 6350 rubli al mese (circa 70 euro).

Oggi la retribuzione per il congedo di malattia del figlio dipende dall’anzianità del servizio del genitore, nel complesso è giusto, certo, ed equo. Ma risulta che per le giovani donne quest’ultima sia decisamente più bassa. <…> Bisogna in questo senso prendere delle decisioni legislative nel più breve tempo possibile, affinché già da quest’anno il congedo malattia del figlio, per i bambini di età fino ai 7 anni compreso, venga retribuito nella misura del 100% dello stipendio.

La situazione internazionale e la sicurezza

“Nel mondo, purtroppo, sembra che tutti si siano già abituati alla pratica delle sanzioni economiche per motivi politici. Si tratta di sanzioni illecite, di tentativi incivili da parte di alcuni per imporre con la forza la propria volontà sugli altri. Oggi questa pratica sta degenerando in qualcosa di molto più pericoloso, basti guardare ai fatti recentemente noti di un tentativo di colpo di stato in Bielorussia che prevedeva l’assassinio del suo stesso presidente. <…> Già si è superato ogni limite.

I partecipanti al complotto [contro il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko] che sono stati arrestati hanno ammesso di aver pianificato di bloccare la capitale bielorussa Minsk, interrompendo le infrastrutture, i mezzi di comunicazione e il sistema energetico della città. Ciò significa che erano in corso i preparativi per un massiccio attacco informatico. Perché è proprio così, non puoi farlo con un interruttore.

Vogliamo avere buoni rapporti con tutti i membri della stampa internazionale, ma vediamo cosa sta succedendo nella vita reale. Si aggrappano alla Russia qua e là senza nessun motivo, come tutti i piccoli Tabaqui che ruotano intorno a Shere Khan. Tutti, come scrive Kipling, ululano per accattivarsi il loro sovrano. Kipling è stato un grande scrittore (Putin ha già citato Kipling nei suoi grandi discorsi, in particolare nel 2011, rivolgendosi ai manifestanti in Russia dopo le elezioni alla Duma di Stato – «Vedomosti »).

 

Fonte Vedomosti, 21/04/2021, Traduzione di Lisa Cannarella

Lisa Cannarella

Mi sto laureando in mediazione linguistica presso l'Università per Stranieri di Siena in russo e tedesco. Durante gli studi mi sono perdutamente innamorata della letteratura russa (i racconti di Čechov così come le piccole tragedie di Puškin mi fanno morir dal ridere) e spero tanto di fare la magistrale alla Ca' Foscari di Venezia per poterla approfondire. Adoro tradurre dal russo, soprattutto poesie, ma mi interesso anche di politica tra una poesia e l'altra.